Andersen, un danese cresciuto in Eredivisie – VIDEO

Andersen Sampdoria
© foto FC Twenter TV

Joachim Andersen sarà il nuovo rinforzo in difesa per la Sampdoria: ecco chi è il centrale danese in uscita dal Twente

La mano di Riccardo Pecini colpisce ancora e agli acquisti già messi a segno quest’estate si aggiungerà anche Joachim Andersen. La Sampdoria ha spiazzati tutti, raggiungendo col giocatore e col Twente un accordo totale, che permetterà al classe ’96 di vestire la maglia blucerchiata già dai prossimi giorni. Il costo del cartellino si aggira sui 2 milioni di euro, una cifra abbordabile per uno dei più interessanti prospetti del campionato olandese. Nella speranza che il centrale danese si riveli un nuovo Milan Skriniar, eccone una breve presentazione.

Di danese, Andersen ha solo il cognome e il luogo di nascita (Fredriksberg, non lontano dalla capitale Copenhagen). Calcisticamente parlando, cresce in patria nelle giovanili del Midtjylland, ma già a 17 anni è richiesto in Olanda dal Twente, con cui compirà il salto di qualità: gli bastano pochi mesi per passare dalla formazione U19 a quella U21, mentre nella stagione successiva (14/15) incomincia ad essere convocato anche dalla prima squadra, con cui esordisce il 6 marzo 2015 e si toglie qualche soddisfazione, conquistando la titolarità in alcune gare del finale di campionato, in cui segna anche un gol importante contro il Groningen. L’annata dopo parte in sordina, ma a novembre Andersen viene rispolverato dal tecnico Renè Hake, che non lo toglierà più – o quasi – dal campo. Nel frattempo, segna un altro gol. La scorsa stagione, invece, è stata decisamente quella della sua consacrazione: il giovane centrale è rientrato praticamente sempre negli undici iniziali, fatto salvo per un paio di mesi (da ottobre a dicembre), complice anche un piccolo infortunio alla spalla. A giugno, il suo ruolino personale parlava di 22 presenze nella massima serie olandese, due reti e un assist.

Non male, per un ragazzo poco più che ventenne, ma che incute paura agli avversari: i suoi 190cm per 89kg lo rendono un difensore forte fisicamente, difficile da superare, bravo nel gioco aereo e che si concede anche qualche gioia segnando. Scarseggiano, invece, le presenze in Nazionale, di cui ha vestito la maglia solo con le giovanili dall’U16 all’U21: il suo imminente arrivo alla Sampdoria, però, potrebbe garantirgli proprio maggior visibilità e permettergli di realizzare uno dei suoi sogni.

Condividi
Articolo precedente
Ferrero SampdoriaSamp, colpo in difesa: dal Twente arriva Andersen
Prossimo articolo
Schick sampdoriaRoma, 24 ore per convincere Schick: Inter indispettita