Viviano: «Non bisogna mollare, speriamo di fermare la corsa della Juve»

© foto www.imagephotoagency.it

I festeggiamenti per il Derby vinto sono ormai sul viale del tramonto e ora è tempo di guardare avanti, con la testa rivolta verso la prossima partita, in occasione della quale la Sampdoria ospiterà la Juventus al “Ferraris”. Tuttavia, Emiliano Viviano, intervistato dai microfoni di SampTV, non riesce ancora a dimenticare del tutto la gioia di due giorni fa e ci scherza ancora su, alludendo agli errori individuali dei suoi compagni (Moisander su Lazovic e il quasi-auotogol di Zukanovic): «Il mestiere del portiere è anche questo, a volte bisogna stare attenti ai propri compagni di squadra (ride, ndr). A parte gli scherzi, siamo contenti perchè abbiamo ottenuto due vittorie di fila, abbiamo vinto il Derby, che sappiamo non essere una partita come le altre per i i tifosi genovesi. Siamo molto contenti di questo e ora guardiamo avanti».

Inizio traumatico con mister Montella, ma ora la sua mano si inizia a vedere e la squadra è cambiata drasticamente nel gioco e nell’atteggiamento in campo: «C’è bisogno di entusiasmo, di acquisire sicurezze, perchè abbiamo passato un periodo difficile. Ora sembra che abbiamo trovato la quadratura del cerchio, ma credo che le grandi squadre si vedano adesso. Quindi bisogna cercare di continuare su questa strada, non mollare e pensare alla prossima partita, che sarà sicuramente difficilissima».

Inizio traumatico anche quello della Juventus, che nelle prime giornate non voleva saperne di ingranare, e non sembrava più quella super-potenza che era diventata nel corso di questi anni, capace di vincere tutto. Ora, però, la “vecchia signora” ha ripreso il vizio dei tre punti e sono ben otto giornate di fila che nessuno riesce a strapparglieli: «Hanno cambiato qualcosa, quindi è normale che all’inizio abbiano avuto un po’ di difficoltà. Secondo me rimane la favorita per lo scudetto perchè è la squadra più consapevole della propria forza ed è la migliore a livello individuale, anche se quest’anno è un bel campionato e lì davanti sono in tante. Speriamo di fermarla un po’ noi, la corsa della Juve».

Quando si parla di Juventus, non si può non parlare di Gigi Buffon, forse il più grande portiere di tutti i tempi, per cui il nostro numero 2 nutre una stima infinita: «Gliene ho parlato tante volte, per me rimane il migliore di tutti, almeno per quello che ho potuto vedere io, non tanto per un singolo intervento o per una stagione, ma perchè sono tantissimi anni che riesce sempre a fare la differenza e questo – conclude – non credo di averlo visto in nessun’altro portiere».

Condividi
Articolo precedente
Cordoglio blucerchiato per la scomparsa del suocero del Prof. Mazzola
Prossimo articolo
bovo torinoSinisa rischia di pentirsi: la panchina del Milan traballa