Zamparini: «Barbera per i soli abbonati? Scelta stupida»

© foto www.imagephotoagency.it

La Sampdoria ha raggiunto nello scorso turno i fatidici 40 punti, ma la salvezza non è ancora certa e matematica. Per ottenerla serve almeno un punto nella prossima gara, che sarà al Barbera di Palermo, una sfida dificilissima perché i rosanero sono alla ricerca di punti vitali per la salvezza e dopo la vittoria sul Frosinone vogliono proseguire con lo stesso ruolino di marcia, e togliersi dai posti scomodi della classifica.

Due turni casalinghi fa, in occasione di Palermo-Lazio, la tifoseria rosanero nel corso del match vinto dai biancocelesti per 3-0 ha reagito come peggio non poteva: fumogeni, petardi, addirittura seggiolini lanciati in campo, un comportamento che ha portato a un’invevitabile squalifica del campo scontata nello scorso turno infrasettimanale contro l’Atalanta. Per il prossimo turno però, vista la situazione piuttosto calda, il prefetto di Palermo ha disposto che la vendita dei tagliandi per Palermo-Sampdoria sia bloccata e che l’accesso allo stadio sia consentito solo agli abbonati, oltre ovviamente ai tifosi ospiti che vorranno seguire il Doria in trasferta.

Al Giornale di Sicilia, per esprimere il proprio dissenso verso questa probabile decisione, ha parlato il presidente rosanero Maurizio Zamparini: «Sono sconcertato dall’eventualità che solo gli abbonati possano assistere a Palermo-Samp. Non voglio crederci, sarebbe una scelta stupida e demagogica, emblematica però dell’inefficienza di certa burocrazia. Questo è autolesionismo – prosegue il numero uno del Palermo – si getta fango sulla città di Palermo. Non si possono penalizzare il club e le presone oneste che tifano per noi, adducendo pretesti relativi a cinquanta persone. Si distrugge un lavoro lungo tredici anni, un periodo in cui si è visto solo qualche fumogeno in occasione di Palermo-Lazio».

La società ha già presentato un ricorso per ottenere la vendita dei tagliandi libera, mentre si profila sempre più vicina un cessione del Palermo da parte di Zamparini: «Oltre al ricorso ho chiesto ai miei avvocati di valutare anche il danno d’immagine. Per la cessione del club ho in corso importanti trattative con imprenditori italo-americani, alcuni anche d’origine siciliana, e oltreoceano arrivano le notizie della gara a porte chiuse o di quest’altra decisione. La realtà di una città sportiva come Palermo è distorta, sono sempre più esterrefatto».

Intanto la società rosanero ha pubblicato sul proprio sito un comunicato, eccolo: 

La Prefettura di Palermo ha notificato all’U.S. Città di Palermo un’ordinanza, in base alla quale viene decretato l’accesso allo stadio “Renzo Barbera”, in occasione della gara Palermo-Sampdoria (domenica 1 maggio, ore 15), ai soli possessori di Abbonamento, oltre che per i sostenitori della Sampdoria in possesso di Tessera del Tifoso/Fidelity Card.

Fermo restando il rispetto e il sostegno nei confronti delle Autorità di Pubblica Sicurezza, che da sempre contraddistinguono l’operato della Società, in questa circostanza non condividiamo un provvedimento che penalizza, sotto tutti i punti di vista, il Club ma soprattutto i sostenitori palermitani, in un momento tanto delicato e decisivo del campionato, per il raggiungimento di un obiettivo di vitale importanza, comune a tutti coloro che amano la Città di Palermo.

E’ nostra intenzione presentare ricorso d’urgenza al Tribunale Amministrativo Regionale e protestare con fermezza presso tutti gli organi competenti, affinché vengano tutelati i diritti di tutti coloro che intendono sostenere i colori rosanero, con la correttezza e la civiltà proprie dei palermitani.

Condividi
Articolo precedente
Prossimo turno: obiettivo 43 punti per la Samp in vista del Derby della Lanterna
Prossimo articolo
Silvia Salis: «Con la Samp subito amore, Vialli il primo ricordo»