Novellino: «La Sampdoria si salverà. 8 le partite da non sbagliare»

novellino
© foto www.imagephotoagency.it

Parla l’ex allenatore blucerchiato Novellino: «La salvezza? Confido in Ranieri, è una garanzia e un valore aggiunto. La Sampdoria non può sbagliare 8 partite»

Walter Novellino, ex allenatore della Sampdoria, ha rilasciato un’intervista ai microfoni de La Repubblica. Ecco le parole a tutto tondo del tecnico:

COMPLEANNO«Sono sessantasette. Non mi sento vecchio, sono ancora certo di poter allenare. Aspetto solamente l’occasione giusta e spero arrivi presto. Ho anche imparato l’inglese, se mi chiamasse qualcuno dall’estero…».

RIPARTENZA«Credo che la spinta sia stata più economica, le squadre hanno bisogno dei soldi delle tv. Ma se la saluta è tutelata, perché no. Ma aspettiamoci un campionato falsato: sto vedendo la Bundesliga e sono partite fiacche, basso ritmo, trionfa sempre la squadra che ha più qualità. E poi gli stadi senza pubblico, che tristezza. È sparito il fattore campo, l’assenza dei tifosi toglie furore agonistico».

SAMPDORIA«Giocando in estate, con il caldo, sarà importante gestire il pallone e leggere la gara. Fossi in panchina lavorerei più sulla testa. La Sampdoria può pagare qualcosa in termini di qualità, ma ha molti giocatori nel pieno della carriera e questo dà fiducia».

RANIERI«È il valore aggiunto, una garanzia. Una carriera lunghissima, ha vinto tanto, persino più di me. Scherzi a parte, non credo che insista molto sulla tattica, quanto sulla carica nervosa. E sulla capacità di recuperare energie, dato che si giocherà ogni tre giorni. Ha fatto bene a invocare le cinque sostituzioni».

CALENDARIO«Quello della Samp lo conosco a memoria. Inter, Roma, Atalanta e Juve possono essere sfide proibitive, più del Milan, che secondo me non è granché. Sono invece otto le partite che non si possono sbagliare. Casa o fuori ormai non conta, sono scontri diretti e ci si gioca la sopravvivenza».

GENOA IN LOTTA SALVEZZA«Conosco bene Genova e so quanto sia importante il derby. A quattro giornata dalla fine, stavolta, lo è ancora di più. Da sampdoriano credo che il Genoa sia temibile, perché Nicola lo ha trasformato. Fra i giovani è uno dei tecnici che mi piace di più, in poco tempo ha cambiato la mentalità. Ora il Genoa non avrà problemi a salvarsi».

TIFOSO BLUCERCHIATO«Il tifoso, per definizione, è sempre preoccupato, quindi lo sono anche io. Ma l’ansia deve dare forza mentale. Anche la Sampdoria si salverà, io ho fiducia. Tonelli ha sistemato la difesa, aiuta Colley e Yoshida, credo che Ranieri possa giocare anche a tre. Più difficile è collocare il rifinitore, anche se sono innamorato di Ramirez. Non però come seconda punta, davanti devono giocare Quagliarella e Gabbiadini».

QUAGLIARELLA «Dicono che è vecchio? Sì…ciao. Averlo è una fortuna. Ha fatto sei gol nelle prime sei di ritorno, stava segnando a raffica. Sa i ritmi saranno bassi può fare sfracelli».