30 anni e non sentirli: 1986, Coppa Italia infausta per la Sampdoria

coppa Italia
© foto www.imagephotoagency.it

Torna “30 anni e non sentirli” in occasione della Tim Cup e lo fa per raccontarvi la quarantesima edizione del torneo che vedrà alzare la Coppa Italia al Napoli. La Sampdoria si ferma alla fase a gironi

Domani si torna sul campo verde dello stadio Luigi Ferraris per la Tim Cup. La Sampdoria dovrà affrontare il Cagliari di Rastelli, uscito vittorioso dallo scontro contro l’Udinese. Cogliamo l’occasione per fare di nuovo un salto, in anticipo rispetto al consueto appuntamento settimanale, al 1986/1987 e alla Sampdoria di Boskov.

GIRONE INFAUSTO PER LA SAMPDORIA – Il sorteggio di Coppa Italia vide la squadra di Boskov finire nel girone 3 assieme a Juventus, Cremonese, Lecce, Monza e Reggiana. La prima partita in programma, Cremonese – Sampdoria, fu disputata il 24 agosto 1986 e terminò con il risultato di pareggio a reti inviolate. Sui campi paralleli la Juventus s’impose sul Lecce con il risultato di 2-0, mentre anche il confronto tra Reggiana e Monza terminò in parità. La seconda giornata a tre giorni di distanza vide la Sampdoria nuovamente in trasferta contro la Reggiana. Vittoria netta dei blucerchiati grazie al rigore di Vialli e al raddoppio dello stesso all’inizio del secondo tempo. Purtroppo sui campi paralleli vincono anche Juventus e Cremonese.

NON BASTANO LE VITTORIE CONTRO LECCE E JUVENTUS – Terza giornata che sembra la fotocopia della precedente: vince la Sampdoria (1-0, Vialli su rigore) contro il Lecce, ma vincono anche Cremonese e Juventus, entrambe con ben quattro gol a testa contro il Monza e la Reggiana. La batosta per la Sampdoria arriva nella partita contro il Monza, i blucerchiati in trasferta non riescono a superare la squadre emiliana che si porta avanti con il gol di Casiraghi all’ottavo minuto di gioco e il raddoppio dello stesso dopo dieci minuti dalla prima marcatura. La Juventus tiene in vita le speranze blucerchiati battendo la Cremonese e aggiudicandosi la testa del girone. Pareggio che non serve a nulla tra Reggiana e Lecce. L’ultima giornata è quella decisiva: Sampdoria – Juventus e Cremonese – Reggiana. La Juventus già sicura del passaggio del girone anche in caso di sconfitta, la Reggiana già certa dell’ultimo posto in classifica. La Cremonese chiude al 90’ con il risultato di 3-0, la Sampdoria batte la Juventus per 2-1 (gol di Vialli, vero mattatore della competizione e Mannini).
La classifica finale recita: Juventus 8, Cremonese e Sampdoria 7, Lecce e Monza 3, Reggiana 2 punti. Sarà la differenza reti a condannare la Sampdoria al terzo posto e quindi a uscire dalla Coppa Italia. Quell’anno, in ogni caso, il trofeo lo vinse il Napoli contro l’Atalanta, ma questa è un’altra storia che non ci interessa raccontare.