30 Anni e non sentirli: 1987, matato il Toro, quinto posto con il Milan

30 anni e non sentirli
© foto www.imagephotoagency.it

In attesa di Torino-Sampdoria con “30 anni e non sentirli” facciamo un salto alla 15.a giornata di ritorno del campionato 1986/1987: ironia della sorte l’avversario dei blucerchiati sono i granata di Radice

Appuntamento dedicato alla storia della Sampdoria fino allo scudetto che oggi, con “30 Anni e non sentirli“, arriva all’ultima giornata del girone di ritorno del campionato 1986/1987. La squadra di Boskov, dopo aver distribuito tre gol contro la Roma, si trova davanti l’undici di Radice: corsi e ricorsi storici fanno in modo che ieri come oggi, l’avversario dei blucerchiati sia proprio il Torino. L’epilogo di questa partita che stiamo per raccontarvi è quanto speriamo accada anche stasera con i ragazzi di Giampaolo impegnati nella gara contro quelli di Mihajlovic. Ma torniamo a Vujadin Boskov e alla sua Sampdoria. Per l’impegno casalingo contro il Torino la scelta cade sui “soliti” undici: Bistazzoni, Briegel, Mannini, Fusi, Vierchowod, Pari, Pellegrini, Cerezo, Salsano, Mancini e Vialli. Per quanto riguarda Radice invece Lorieri, Corradini, Francini, Cravero, Junior, Ferri, Rossi, Sabato, Kieft, Dossena, Comi. È l’ultima partita del campionato e la Sampdoria vuole chiudere davanti ai suoi tifosi con un risultato positivo che le garantisca il quinto posto e la zona Uefa.

INNO ALLA GIOIA BLUCERCHIATO: VIALLI, BRIEGEL E MANNINI – La squadra granata prova a fare la partita e ad impensierire l’undici blucerchiato, ma la musica a Marassi si capisce dopo i primi 15 minuti di gioco: Pellegrini, dopo una bella azione corale, colpisce il palo a portiere battuto. Seppur sia la Sampdoria a cercare la via del gol con tante azioni, serviranno quaranta minuti ai blucerchiati per sfondare la linea difensiva dei granata. Ci pensa Vierchowod che impegna il portiere Lorieri in una parata che non riesce a trattenere e sulla quale si avventa il falco Vialli mettendo dentro il pallone del vantaggio. Le squadre vanno negli spogliatoi sul risultato di 1-0. Dopo una ripresa a tinte granata, è di nuovo la squadra di Boskov a rimettere la gara sulla superiorità in campo: al 73esimo minuto di gioco ci pensa Brieghel, su assist di Mancini, a mettere dentro il pallone del raddoppio; al 86esimo minuto è invece Mannini che, sullo spunto di un calcio d’angolo, stacca e batte il portiere del Torino per il definitivo 3-0. Con questa vittoria la squadra di Boskov arriva quinta in classifica a pari punti con il Milan, squadra contro la quale dovrà giocare lo spareggio per l’accesso alla Coppa Uefa. Ma questa è un’altra storia e la si dovrà raccontare un’altra volta.

Partita precedente: Roma-Sampdoria
Partita successiva: Milan-Sampdoria (spareggio Uefa)

Articolo precedente
tifosi sampdoria utcTorino-Sampdoria, per battere i granata bisogna sfruttare gli ultimi 30′ di gioco
Prossimo articolo
sampdoria cassano romeiCassano, ritorno a Bogliasco e colloquio con Romei – FOTO