Aleesami: «Il pareggio con la Samp aveva il sapore della sconfitta»

cionek
© foto www.imagephotoagency.it

Aleesami è certamente stato tra le rivelazioni del Palermo targato De Zerbi, in questo inizio di stagione. Il terzino norvegese, alla sua prima apparizione nella massima serie italiana, ha fornito prestazioni di qualità blindando così il proprio posto da titolare nei rosanero. Come riporta Mediagol.it, Aleesami ha commentato il proprio arrivo in Serie A, poco prima della partita tra Norvegia e Azerbaigian. Dichiarazioni importanti anche sul match Sampdoria-Palermo, e su quel pareggio nei minuti finali che ha negato i tre punti ai rosanero. In seguito un estratto dell’intervista:

«La prima cosa che ho imparato in Italia è stata la passione senza limiti del pubblico per il calcio. L’ultima cosa che un giocatore vorrebbe fare è perdere una partita: se dovesse capitare una sconfitta, ti vorresti trovare in cantina, al buio, per stare lontano da tutto e da tutti. Questo è ciò che ho provato domenica scorsa quando quel pareggio in extremis contro la Sampdoria ha avuto il sapore della sconfitta. […] In Italia il modo di difendere è completamente diverso. In Serie A per i difensori conta solo una cosa: non perdere il duello con l’avversario. L’obbiettivo è rallentarlo e non farlo passare. In Italia c’è più cinismo.»