Assegnazione diritti tv, gli Ultras protestano: «Senza noi valete niente»

© foto www.imagephotoagency.it

Gli Ultras Tito protestano fuori dalla Lega di Serie A con uno striscione e un duro comunicato: «Senza noi valete niente, abbiate le palle di ascoltarci!»

Oggi è un giorno importante per quanto riguarda l’assegnazione dei diritti televisivi della Serie A: a vincere l’asta indetta dalla Lega di Serie A sono stati infatti gli spagnoli di MediaPro, gruppo che è arrivato ad offrire, per il triennio 2018-2021, 1 miliardo e 50 milioni di euro, cifra accettata dalla Lega nonostante le forti resistenze di Sky. Gli Ultras Tito Cucchiaroni, storico gruppo della Gradinata Sud, ha voluto manifestare il proprio dissenso nei confronti di una dinamica, come quella della progressiva commercializzazione del calcio, che sta portando i tifosi ad andare sempre meno allo stadio per preferire il divano di casa e la partita trasmessa via satellite.

Così, questa mattina gli ultras blucerchiati hanno lasciato uno striscione inequivocabile vicino all’entrata della Lega di Serie A, a Milano: «Senza noi valete niente. Il calcio è zero senza la sua gente» la frase riportata. Inoltre, sono stati diffusi alcuni volantini riportanti il seguente comunicato:
«Apprendiamo che, a causa del palese disinteresse dei maggiori interlocutori sulla questione dei diritti tv, qualcuno di voi sta pensando di svendere ulteriormente il calcio, mettendo nelle mani dello “SKY di turno” decisioni che impatteranno sull’approccio alla partita degli unici soggetti che non state interpellando, e che in realtà dovrebbero essere il vostro “cliente prediletto”: i tifosi. Oggi come ieri… Come dieci, quindici anni fa, veniamo a dirvi che state sbagliando tutto! Che mettere il calcio, gli orari, i giorni delle partite, nelle mani delle televisioni non vi salverà dal fallimento! Qualcuno di voi dovrebbe domandare a un tifoso cosa ne pensa delle partite al lunedì, alla domenica all’ora di pranzo, alla sera in inverno. Siamo sicuri che troverete indicazioni preziose… se le vorrete ascoltare. Basta decisioni alle spalle dei tifosi, abbiate le palle di ascoltarci! UTC».