Bereszynski, quarantena da elettricista: «Quel citofono rotto…»

Bereszynski
© foto www.imagephotoagency.it

Bereszynski si riscopre elettricista in quarantena: «Ho riparato da solo il citofono rotto. Ci ha creato problemi»

LEGGI QUI L’INTERVISTA INTEGRALE

Isolato per quasi due mesi in casa con la compagna Maja e il figlio Leo, Bartosz Bereszynski ha dovuto affrontare qualche incidente di percorso durante la quarantena: «Per le prime due settimane ho avuto il citofono rotto – ha spiegato il terzino della Sampdoria a Przeglad Sportowy – il che ha causato complicazioni perché non potevo ordinare cibo. I ristoranti portavano il cibo dalla porta, ma non avevo modo di fare entrare il corriere. Inizialmente, non mi importava molto, ma dopo due settimane ero in crisi, avevo un grande bisogno di ordinare qualcosa. Tuttavia, nessuno poteva venire a casa nostra e risolvere il problema».

«Così ho svitato l’intero citofono e dopo qualche ora l’ho riparato da solo. Quindi abbiamo potuto ordinare la pizza durante il fine settimana. So che queste non sono questioni importanti nella vita, ma dopo un tale periodo di chiusura è importante lottare per qualsiasi piacere. Non è davvero facile passare diverse dozzine di giorni in pochi metri quadrati, specialmente con un bambino di due anni che è abituato a camminare. Non voglio drammatizzare, so che le persone vivono situazioni molto più difficili. Per noi era qualcosa di completamente nuovo. Prima facevo alcuni chilometri al giorno allenandomi, camminando. Quando la vita diventa statica, questo movimento ti manca molto. Fortunatamente, abbiamo una terrazza abbastanza grande con erba artificiale, quindi abbiamo replicato un giardino. Ci ha salvato».