Bruno Henrique: «Non conosco bene la Samp. A Genova per fare bene»

© foto www.imagephotoagency.it

Bruno Henrique è una pedina fondamentale nello scacchiere di De Zerbi che, anche oggi contro la Sampdoria, dovrebbe schierarlo titolare dal primo minuto di gioco. Sulle pagine del Corriere dello Sport, il mediano commenta la sua esperienza in Serie A e guarda al futuro con ottimismo: «In Brasile ho avuto l’opportunità di svolgere sia il ruolo di mediano che quello del playmaker. Diciamo che mi adatto facilmente. Voglio solo giocare.

 

Il Palermo è una grande società, l’Italia mi affascinava, il mio desiderio era di entrare nella favola del calcio europeo e per questo ho studiato l’inglese. Spero di assimilare subito il calcio italiano che non è poi così diverso dal nostro. In fondo anche in Brasile si lavora sulla tattica e da un punto di vista di preparazione fisica qui c’è intensità, ma nessuna paura di non farcela. L’ostacolo casomai è la lingua. Più imparo, più semplice sarà il mio inserimento

 

De Zerbi è giovane con idee di gioco fantastiche, schemi aggressivi, d’attacco, tanta tattica e possesso palla. La squadra lo segue, farà sempre meglio».

 

E sulla Sampdoria: «Conosco poco l’avversario, abbiamo disputato tre trasferte ravvicinate con buoni risultati e preparato questa partita a puntino. Si va a Genova per giocare bene e per un grande risultato».