Cagliari-Sampdoria, le pagelle: Viviano risveglia i sardi, Zapata annullato

viviano sampdoria
© foto Valentina Martini

La Sampdoria getta al vento una vittoria che poteva essere preziosa: un errore assurdo di Viviano concede ai sardi di ritrovare la grinta e chiudere la Samp nella sua morsa.

Viviano 5: Assurdo l’errore che riapre la partita al 10′ del secondo tempo. Nonostante pochi minuti dopo, però, sia decisivo su Pavoletti, concede al Cagliari la grinta necessaria per trovare il pareggio in pochi minuti.

Murru 5,5: Si lascia scappare Ionita a più riprese, permettendogli nella prima frazione di gara di andare fin troppe volte alla conclusione. Nella ripresa prova a spingere di più, ma così come dall’altro lato del campo, partono troppe iniziative del Cagliari dalla sua parte.

Ferrari 6: Oltre a coprire la propria zona di competenza, a volte lasciandosi sfuggire il raddoppio sull’uomo marcato da Murru, prova anche a impostare la ripartenza. Non è sempre preciso, ma è da premiare l’intenzione.

Silvestre 5,5: Si perde Pavoletti sul gol del 2-2 ed è un peccato, perché per il resto della partita, salvo qualche rischio di troppo su Farias, tiene sempre bene la posizione.

Bereszynski 5,5: Dopo un buon primo tempo, cala tantissimo nella ripresa concedendo troppo spazio a Padoin e permettendo al Cagliari di affondare troppo sulle fasce, come d’altronde accade dal lato di Murru con Ionita.

Torreira 6: Meno ispirato del solito, ma comunque molto attento in fase di copertura quando chiamato in causa. In fase di costruzione del gioco è meno incisivo di quanto ci abbia abituato a essere.

Barreto 6: Permane il discorso di ogni settimana: in fase di rottura l’ex Palermo è essenziale e necessario, ma quando si tratta di affondare o di trovare il passaggio decisivo viene sempre a galla la sua scarsa precisione e propensione alla creazione di gioco.

Praet 6,5: Corre per tutta la sua partita e copre qualsiasi zona del campo: lo si trova sulla fascia destra a fare da collante tra Bereszynski e Zapata o dall’altro lato a dare supporto a Murru.

Ramirez 7: Due assist decisivi, tra l’altro di una perfezione invidiabile, e una conclusione spettacolare nel primo tempo, che chiama Cragno a un grande intervento. (dal 70′ Caprari 6: Ci mette un po’ a ingranare, ma poi esce bene dalle maglie sarde, pur senza trovare la via del gol).

Quagliarella 7: Tantissima precisione in occasione del secondo gol e uno scatto esplosivo nel primo. Poi tanta fatica, tanta corsa e tanti tentativi per raggiungere la tripletta, ma nella ripresa cala inevitabilmente come tutta la squadra.

Zapata 5,5: Non è la sua partita e non la sua giornata. Si lascia imbrigliare nella morsa di Pisacane e non riesce ad andare praticamente mai alla conclusione. (dall’88’ Kownacki s.v.)