Connettiti con noi

Hanno Detto

Cannavaro ammette: «Mondiali 2022 in Qatar amari senza l’Italia»

Pubblicato

su

Fabio Cannavaro ha parlato dei Mondiali 2022 in Qatar: ecco le dichiarazioni dell’ex difensore dell’Italia

Fabio Cannavaro ha parlato dei Mondiali 2022 in Qatar. Ecco le dichiarazioni, rilasciate ai microfoni de Il Mattino, dall’ex difensore della Juventus e campione del mondo con l’Italia.

ITALIA – «È un Mondiale amaro, triste, senza la nostra Nazionale, penso alle generazioni di bambini che hanno perso il rito di ritrovarsi a casa per vedere la partita dell’Italia. Il mio ricordo da piccolo è Zoff che alza la Coppa del mondo a Madrid, dopo la vittoria in finale con la Germania Ovest».

QATAR – «Questo è un evento unico per loro. Il Qatar è il più piccolo dei paesi del Golfo ma da anni le sua politica sportiva ha puntato sugli investimenti stratosferici per gli impianti. Non solo quelli per il calcio. C’è un realtà futuristica, l’Aspire Academy, dove ci sono decine e decine di campi di calcio. È un centro da far invidia a qualsiasi club d’Europa. E in ogni cosa che fanno, loro sono precisi, puntuali. Sono sicuro che sotto l’aspetto organizzativo sarà un Mondiale strepitoso e indimenticabile».

PROTESTE – «Perché devono protestare i calciatori? Dal 2010 si sa del Mondiale che si gioca lì, ce ne sono stati di momenti in cui i governi o le federazioni avrebbero potuto fare marcia indietro. Nessuno lo ha fatto ed è un compito della politica farlo non dei calciatori. E poi, mica solo il Mondiale di calcio hanno organizzato a Doha negli ultimi anni. I calciatori che stanno lì devono pensare a giocare, a divertire la gente, a fare il loro dovere per lo show. Certo, nessuno di noi è indifferente alle violazioni dei diritti, ma forse ora è tardi per chiedere a chi va in campo, e che deve pensare solo a cosa fare con un pallone tra i piedi, di protestare e pretendere chissà quali gesti. Era un compito che spettava e spetta ad altri».

MESSI – «Messi è all’ultima chiamata. O adesso o non vincerà mai un Mondiale. E’ lo stesso destino di Cristiano Ronaldo: è la sua ultima chance. E solo vincendo la Coppa del mondo capiranno che tutti gli altri trofei vinti fino ad adesso sono poca roba. Compresi Champions e Palloni d’oro».

Sampdoria News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 44 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a U.C. Sampdoria S.p.A. Il marchio Sampdoria è di esclusiva proprietà di U.C. Sampdoria S.p.A.