Caos Lazio, l’avvocato Gentile: «Calciatori positivi in campo? Una follia»

lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Gian Michele Gentile, legale della Lazio, ha lasciato delle dichiarazioni a margine del caos sui tamponi anti Coronavirus

L’avvocato Gian Michele Gentile, intervenuto a Radio Punto Nuovo, ha fatto il punto sulla questione tamponi in casa Lazio. Ecco le sue parole.

LEGGI ANCHE – Lazio, Eriksson e il ricordo dello scudetto

«Sulla vicenda scientifica dei tamponi, abbiamo una consapevolezza diffusa, anche da come viene eseguito. L’altezza del prelievo del naso incide. Sarebbe una follia se un presidente mandasse a giocare un calciatore positivo per poi far positivizzare anche gli altri. Nessuno dei giocatori della Lazio, a qualsiasi sistema si faccia riferimento, italiano o europeo, è sceso in campo col minimo dubbio. Immobile, prima di scendere in campo col Torino, aveva fatto un tampone venerdì che aveva accertato la negatività, dopo un ciclo che aveva testimoniato lo stesso percorso, come accertato anche dalle indagini».