Caso tamponi, la Asl inguaia la Lazio. Gli aggiornamenti

© foto www.imagephotoagency.it

Caso tamponi, si aggrava la posizione della Lazio: i biancocelesti non hanno segnalato alla Asl i casi di positività

Non si ferma la polemica legata al caso tamponi in casa Lazio. La posizione dei biancocelesti si aggrava dopo l’inchiesta messa in atto dalla Figc: come riporta La Gazzetta dello Sport, il club di Claudio Lotito non avrebbe segnalato i casi di positività alla Asl.

LEGGI ANCHE – Serie A, la Lazio verso la penalizzazione: il punto sul club di Lotito

Il quotidiano sportivo di Milano riporta anche le parole di Giovanella Baggio, membro del Cts, che compromette la posizione della Lazio: «Nelle nostre linee guida non c’è distinzione tra debolmente positivo e positivo. Se da un tampone molecolare emerge una positività, di qualsiasi livello, il paziente è positivo e va isolato per 10 giorni».