Connettiti con noi

Gli Ex

Cavasin: “Dovevo allenare il Congo, riparto dalla Prima Categoria»

Pubblicato

su

Alberto Cavasin, ex tecnico della Sampdoria, ha commentato la scelta di allenare una squadra di Prima Categoria

Alberto Cavasin, ex tecnico della Sampdoria, ha commentato la scelta di tornare in panchina dopo tre anni di inattività e di allenare il Barisardo, una squadra di Prima Categoria. Le sue parole a La Gazzetta dello Sport.

«Dovevo andare ad allenare la Nazionale del Congo. Ero d’accordo. Poi la svolta. Di passaggi strani ne ho fatti eh. Da giocatore sono sceso dalla A alla C e pure da tecnico. L’ultima esperienza, finita a marzo del 2018, l’ho avuta a Santarcangelo di Romagna in C. Sembrava un grande progetto, che poteva coinvolgere il Rimini, e invece la proprietà serbo-croata poi non ha realizzato nulla. In Sardegna sono venuto tanto in vacanza. Gli amici che mi sono fatto mi dicevano che se ci fossi rimasto una volta per almeno 20 giorni avrei patito pure io il “Mal di Sardegna”. Avevano ragione. Un amico del mondo del calcio (Paolo Campolo, ndr) mi ha parlato di questa realtà; li stava aiutando a prendere dei calciatori. Pensava che, sentendo Prima categoria, avrei rifiutato. Ero entrato nell’ottica di un progetto in Serie D con ambizioni. Ma ho conosciuto il presidente Roberto Ibba, un passionale, semplice, genuino. Mi ha invitato lì per due giorni. Ci sono andato. Ho riflettuto. Ci sono andato altre due volte. Mi ha ubriacato con gli aperitivi. Io che sono quasi astemio. Ma ho capito che vuol fare qualcosa di importante sul territorio. Qui c’è uno staff tecnico vero, io ho portato un collaboratore, Alberto Possamai. Ci sono tanti ragazzi non sardi, ma anche i giovani locali. La squadra è fatta per salire. Poi, sia chiaro, dobbiamo vincere nove derby. Ma abbiamo 500 persone al campo. Il tutto esaurito fisso».