Cessione Samp alla stretta finale: Ferrero decide dopo Pasqua

ferrero cessione
© foto www.imagephotoagency.it

Sembra ormai esser maturato il tempo di una decisione per Ferrero: dopo Pasqua si avranno importanti novità in merito alla cessione

Sono ormai diverse settimane che continuano a piovere copiosi gli aggiornamenti sulla cessione della Sampdoria, una trattativa che il presidente blucerchiato Massimo Ferrero continua a negare in sede pubblica ma a considerare eccome in privato. Il problema centrale, come spesso accade, è una questione di prezzo: gli 80 milioni “puliti” offerti dal gruppo di Gianluca Vialli non sono stati considerati adeguati al valore della società doriana da parte del Viperetta, ragion per cui le negoziazioni non si sono ancora fermate. Vialli, Jamie Dinan, Fausto Zanetton e Alex Knaster – questi i quattro cardini della società che dovrebbe rilevare la Samp – sono convinti dell’acquisto della società doriana, soprattutto per una questione di brand ben spendibile sul mercato, e continueranno a corteggiare Ferrero per convincerlo a cedere.

Dall’altra parte i due rivali di Vialli, Aquilor e il fondo arabo, sembrano essersi attestati su piani differenti: il fondo britannico pare infatti essersi momentaneamente defilato, interessandosi più che altro ad un’altra società in vendita in Serie A, il Parma. Il facoltoso fondo arabo, sul quale regna ancora il più stretto riserbo, sta tentando invece di rimediare alla ritardo accumulato sugli altri pretendenti preparando un’offerta economica più vantaggiosa e di rapida erogazione per ingolosire Ferrero. Impossibile però, a questo punto, non riconoscere il vantaggio quasi incolmabile di cui gode il gruppo Vialli. Gruppo Vialli che conoscerà la decisione di Ferrero, così come tutti gli altri pretendenti al trono blucerchiato, immediatamente dopo Pasqua. La deadline per un eventuale avvicendamento a Corte Lambruschini, infatti, è giocoforza da fissare a fine aprile, per permettere ai nuovi proprietari di pianificare la nuova stagione. Non sembra dunque più mancare molto: in un senso o nell’altro, la Sampdoria conoscerà il proprio futuro nel giro di due settimane.