Con Vialli torna il progetto stadio: ecco dove

cessione vialli
© foto www.imagephotoagency.it

Con la cessione della Sampdoria al gruppo Vialli torna di moda il progetto stadio: Garrone suggerisce Trasta come area per edificarlo

Da diversi mesi il gruppo Vialli è al lavoro per tentare di arrivare a un accordo con Massimo Ferrero e acquistare finalmente la Sampdoria. Se il mese di agosto potrebbe essere quello giusto perché il tanto atteso closing possa diventare realtà, nel frattempo la cordata di imprenditori interessata a rilevare la società blucerchiata sta pensando anche alla possibilità di costruire uno stadio di proprietà.

I fondi speculativi, infatti, vanno molto d’accordo con le infrastrutture ed edificare un nuovo stadio sarebbe sì una spesa, ma garantirebbe anche ricavi importanti nel lungo periodo: Jamie Dinan e Alexander Knaster – scrive Il Secolo XIX – sono molto interessati a questa ipotesi e l’ex presidente doriano Edoardo Garrone sarebbe nuovamente intervenuto per rispolverare il vecchio progetto del padre Riccardo, che già nel 2002 sognava di costruire un impianto in Valpolcevera, nell’area di Trasta (100mila metri quadrati di proprietà delle Ferrovie dello Stato). Un’ipotesi molto più attuabile adesso, per via della riqualificazione post-Morandi in programma nella zona.

Oltre al progetto stadio, però, Garrone continua a fornire aiuto anche per la chiusura stessa della trattativa riguardante l’acquisto della Sampdoria. Secondo il quotidiano genovese, l’ex patron blucerchiato avrebbe garantito a Ferrero – nell’immediato e con fondi di sua proprietà – il pagamento di un bonus già previsto nell’offerta presentata dalla cordata al Viperetta: quello ammontante a 10 milioni di euro e legato ai risultati sportivi, ovvero al piazzamento della Samp nelle prossime stagioni. Anche se Aquilor non si è ancora del tutto defilato, il gruppo rappresentato da Vialli resta sempre il più gettonato a prendere le redini della società, ma soprattutto il più sostenuto.