Coronavirus, Di Cintio: «Il virus non può determinare l’esito dei campionati»

Coronavirus Serie A
© foto www.imagephotoagency.it

L’avvocato Cesare Di Cintio ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito al periodo di difficoltà che vive la Serie B a causa del Coronavirus

L’avvocato Cesare Di Cintio è stato intervistato dal Corriere Adriatico a margine della difficile situazione che sta passando la Serie B causato dall’aumento dei casi positivi al Coronavirus.

«Debbo dire che è una situazione molto complicata, la tutela della salute è fondamentale, ma è importante anche tutelare l’equilibrio economico, per questo è bene che il pallone continui a rotolare sui campi di calcio professionistici. Il presidente Balata ha ragione nel lanciare un grido d’allarme e che bisogna ottimizzare le risorse e preservare il patrimonio calcistico rappresentato dalla categoria. È necessario che il calcio venga riconosciuto come un settore produttivo e venga tutelato dalla politica. I protocolli sanitari devono essere giustamente rigidi per preservare la salute degli atleti, ma quanto accaduto alla Reggiana non ha senso a livello giuridico e sportivo perché ci si dimentica che i club sono parte pagante del sistema e non è ammissibile un solo rinvio in caso di contagio superiore a nove giocatori dato che la pandemia è in pieno sviluppo. Non deve essere il Covid a determinare l’esito dei campionati».