Coronavirus, morto lo scrittore Sepulveda. Era amico di Giampaolo

luis sepulveda
© foto Twitter

Coronavirus, morto a 70 anni Luis Sepulveda: era amico e scrittore preferito dell’ex tecnico blucerchiato Giampaolo

Un’altra vittima illustre del Coronavirus. È morto all’età di 70 anni Luis Sepulveda, celeberrimo scrittore cileno, che da fine febbraio era ricoverato in ospedale ad Oviedo dopo aver contratto l’infezione. Oltre a lasciare un vuoto incolmabile nel mondo della narrativa – Sepulveda è stato autore di grandi successi, da “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore” a “Storia di una gabbianella e di un gatto che le insegnò a volare” – la sua scomparsa tocca nel profondo anche Marco Giampaolo, di cui era lo scrittore preferito.

È diventata virale la foto di due anni fa in cui l’ex allenatore della Sampdoria veniva immortalato immerso nella lettura de “La fine della storia”, uno dei suoi romanzi. Lo stesso Sepulveda aveva poi ripostato lo scatto definendo il tecnico come “suo amico”. Giampaolo lo aveva conosciuto tanti anni fa a Perugia: «Sepulveda è una miniera di citazioni, racconti, storie. Un personaggio straordinario, quando l’ho incontrato è stata un’esperienza bellissima e, anche in quell’occasione, si finì a parlare di calcio», aveva dichiarato nel 2017 a Sky Sport l’ex allenatore blucerchiato.