Dai fischi agli applausi: Ramirez è tornato

Sampdoria Cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Ramirez trasforma i fischi della tribuna in applausi grazie alla rete del 4-1 contro il Cagliari: al trequartista restano tre partire per convincere tecnico e società

Non è stato accolto con grande fermento l’ingresso in campo di Gastòn Ramirez, ieri pomeriggio contro il Cagliari: il trequartista, che ha rilevato l’infortunato Quagliarella ad inizio secondo tempo, si è piazzato esterno a destra in un inedito 4-3-3 e non ha giocato la sua miglior partita, complice anche la posizione nuova in campo, riscuotendo a più riprese qualche fischio per controlli mancati e dribbling mal riusciti.

Tutto è poi fortunatamente cambiato con la rete del 4-1 che ha definitivamente chiuso la gara, un sinistro potente con il quale il numero 90 ha ribadito in rete il pallone respinto dalla traversa su tiro di Linetty. Un gol liberatorio per l’uruguagio, che non segnava da dicembre – al “San Paolo contro il Napoli – e che è subito corso a prendersi l’abbraccio di compagni e membri dello staff tecnico blucerchiato. Un gol che ha trasformato i fischi in applausi, e che forse darà nuova fiducia all’ex Middlesbrough.

Restano ancora tre partite per provare a riprendersi il posto da titolare mostrando quella continuità che gli è sempre mancata, anche perché la società in estate farà le sue valutazioni e, se dovessero arrivare offerte interessanti, non è detto che non possa replicarsi la situazione dello scorso anno con Bruno Fernandes, quando il trequartista titolare fu ceduto, anche un po’ a sorpresa, allo Sporting Lisbona.