Connettiti con noi

Hanno Detto

Ad Lega Serie A: «Qatar 2022? Ci si aspettava i fuochi d’artificio…»

Pubblicato

su

Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A, ha parlato dei Mondiali 2022 in Qatar: le dichiarazioni

Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A, ha espresso le proprie considerazioni sui Mondiali 2022 in Qatar. Ecco le dichiarazioni rilasciate ai microfoni di Rai GR Parlamento.

QATAR – «A livello sportivo la partita di ieri è stata normale, per un evento così ci si aspetta di partire coi fuochi d’artificio, qui ci sono stati solo fuori dal campo. Era importante essere presenti al Mondiale per capire, è un calcio che da un lato cerca di mettere insieme nuovi pubblici, cercando di proseguire in questa crescita e dall’altro vede una serie di questioni che si rendono necessari».

STADI – «Lo stadio di ieri è straordinario, ha un grande significato, con questa tenda beduina molto suggestiva, inoltre è uno degli stadi più all’avanguardia del mondo. Costruito, va ricordato, da un’azienda italiana. Al nostro Paese non manca nulla, se non la volontà politica: sono sicuro che il ministro Abodi, che tanto bene ha fatto al Credito Sportivo, ha motivazioni e competenza per sbloccare un tema fondamentale del nostro Paese, che non riuscirà a ospitare un grande evento sportivo se prima non riuscirà a sbloccare le lungaggini burocratiche che attanagliano club e comuni. Il messaggio che arriva dal Qatar è che si può fare, questo stadio è stato costruito in tre anni da un’azienda italiana: in condizioni che vanno verificate, ma si può fare. Questo mondiale non sarà più replicabile come modalità, anche perché si gioca tutto in pochi chilometri, anzi credo che si andrà sempre più verso eventi itineranti come l’ultimo europeo che abbiamo vinto».

SOLDI – «In Paesi che hanno questa disponibilità e questa predisposizione a investire è tutto più facile, ma la vecchia Europa non può stare a guardare. Dobbiamo fare investimenti mirati e diversi, ma restiamo un punto di riferimento del calcio mondiale: dobbiamo rivendicare una supremazia non solo tecnica, ma anche come organizzatori. La vecchia Europa deve ospitare quanto prima un mondiale di calcio».

Sampdoria News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 44 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a U.C. Sampdoria S.p.A. Il marchio Sampdoria è di esclusiva proprietà di U.C. Sampdoria S.p.A.