Di Francesco: «Ripresa? Prevedo equilibrio e sorprese. Sì ai cinque cambi»

© foto Db Temu' (Bs) 20/07/2019 - amichevole / Sampdoria-Real Vicenza / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Eusebio Di Francesco

L’ex allenatore della Sampdoria Di Francesco sulla ripresa del campionato: «Favorevole alle cinque sostituzioni, spero restino»

L’ex tecnico della Sampdoria, Eusebio Di Francesco, ha parlato a La Gazzetta dello Sport del modo in cui cambierà il calcio una volta ripartito. Ecco le parole dell’allenatore:

SOSTITUZIONI«Gli allenatori potranno fare valutazioni diverse rispetto al passato. Le faccio un paio di esempi: ogni tanto avrà sentito un tecnico dopo la partita dire “se avessi potuto ne avrei cambiati nove”. Ecco, nove no, ma cinque adesso si possono cambiare. Oppure succede che alla vigilia hai il dubbio se schierare un giocatore che non sta benissimo e magari non lo fai perché temi di bruciarti una sostituzione: adesso puoi anche prenderti un rischio. Secondo me questa novità dei cinque cambi andrebbe riproposta pure in futuro, è una buona soluzione anche perché consente di tenere tutti i giocatori partecipi e concentrati».

GESTIONE GIOCATORI «Io sono per il turnover, anche perché il titolare ha un dispendio di energie psicofisiche nettamente superiore rispetto a chi entra dopo. Pensi al riscaldamento pre-partita, alla concentrazione che deve essere massima già molto prima del fischio d’inizio. Cominci a bruciare qualcosa già la mattina dell’incontro. Magari la gestione nelle piccole squadre sarà più complicata perché non c’è l’abitudine al turnover».

VALORI«Le piccole squadre potranno evitare o controllare il calo nel finale che spesso è fisiologico. Però alla fine emergeranno le qualità tecniche e quindi i valori delle grandi».

TATTICA«È sempre molto importante, ma bisognerà trovare un equilibrio. Mi riferisco soprattutto alle squadre che amano stare nella metà campo avversaria e fare la partita: si dovrà capire quando forzare. La gestione di cui parlavamo prima sarà possibile solo se una formazione sarà in totale controllo, ma accadrà di rado. Ci sono tanti punti interrogativi, compresi gli stadi vuoti: spesso il pubblico ti spinge a fare lo scatto in più, quello che non pensi di avere dentro e invece lo trovi. A porte chiuse forse non lo troverai».

RISULTATI E GARE A SORPRESA«Sì, mi aspetto parecchio equilibrio e anche risultati sorprendenti soprattutto nelle prime partite, esattamente come accade ad agosto quando scatta il campionato. Nel finale di partita si perde fisicità, per la stanchezza si abbassa anche la soglia di attenzione e le partite cambiano».

RUOLO ALLENATORE«In questi giorni ho provato a immedesimarmi, siamo tutti all’oscuro di quanto può accadere. Si arriverà alle partite con meno certezze da ogni punto di vista. Sarà un altro campionato e l’intuizione dell’allenatore potrà davvero fare la differenza. Con le cinque sostituzioni cambierà la lettura della gara e andranno studiate e analizzate tantissime cose nuove».