Diodovich, Varese Blucerchiata: «Uniti dalla passione blucerchiata. Siamo già in clima derby»

Varese Blucerchiata
© foto www.imagephotoagency.it

Esclusiva SampNews24 – La Sampdoria è i suoi tifosi. Continua il nostro cammino tra i club blucerchiati: oggi andiamo a Varese da Cristina Diodovich che ci presenta la Varese Blucerchiata

Dopo Como, nel nostro cammino tra i club blucerchiati, ci rechiamo a Varese per scoprire un club nato in concomitanza con la promozione della Sampdoria in Serie A, nel lontano (ma neppure così tanto) 2011. A parlarci della Varese Blucerchiata è Cristina Diodovich, presidente del club che ci guida attraverso i meandri del tifo lontano dalla Liguria e da Genova: «L’idea di fondare un club qui è nata in concomitanza con la partita che la Sampdoria ha giocato contro il Varese per ritornare in Serie A. In occasione di quella abbiamo conosciuto alcuni ragazzi blucerchiati con i quali è nata l’idea, poi realizzata, di fondare un club che fosse non solo un punto di ritrovo per i tifosi della zona, ma anche un modo per organizzare trasferte insieme, feste e occasioni di unione per celebrare la nostra fede. All’inizio eravamo una decina, fin da subito ho ricoperto la carica di presidente del club e sono stati eletti i consiglieri, ci siamo dotati di uno statuto in modo tale da avere una veste pubblica ufficiale».

UNIRE I TIFOSI DELLA ZONA E COLLABORARE CON ALTRI CLUB – Dopo i primi passi necessari per la fondazione del club, si è passati alla ricerca dei tifosi, in modo tale da creare aggregazione: «È grazie all’impegno di tutti se ora siamo arrivati ad essere una cinquantina di tifosi, sparsi per il territorio, iscritti al nostro club, ovviamente ci sono tifosi più attivi e semplici simpatizzanti, ma lo zoccolo duro cerca sempre di partecipare. Con gli altri club, la Como Blucerchiata e Maglia 12, abbiamo partecipato a diverse iniziative: tornei di calcetto che hanno come scopo quello di creare unione e partecipazione. Un’importante iniziativa portata avanti è il “Coordinamento del Nord” la cui finalità è quella di collaborare con tutti gli altri club per organizzare trasferte: siamo in stretto contatto con il Club Blucerchiato di Pavia e quello di Verona e spesso organizziamo pullman insieme, o macchinate, in modo tale da dimezzare i costi delle trasferte che per noi sono tutte le partite casalinghe della Sampdoria. Abbiamo un legame molto forte con la Verona Blucerchiata con cui abbiamo avuto occasione di incontrarci nella trasferta della Sampdoria contro il Chievo, è un lavoro difficoltoso perché ci sono tante idee, ma per ora sta funzionando. In tanti abbiamo l’abbonamento e il nostro striscione è sempre presente in Gradinata Nord. Andiamo anche ai ritiri e come ogni anno a fine campionato ci sarà la festa del club».

CONTENTI DELLA STAGIONE, RIVALITA’ FORTE CON GLI INTERISTI – Essere tifosi blucerchiati oltre i confini della Liguria significa anche sentire molta rivalità con le altre squadre di Serie A presenti sul territorio: «In clima di Derby, perché noi siamo già in pre-derby, è logico che sentiamo molto forte la rivalità con il Genoa, ma di Club rossoblù in zona non ce ne sono. Grande rivalità la sentiamo con l’Inter, piuttosto che con il Milan, questo è dovuto al fatto che la Sampdoria ha fatto molto mercato con la squadra nerazzurra, prima con Icardi e poi con Eder e questo è stato sempre fonte di prese in giro: prima perché, per loro, i nostri giocatori erano degli scarti, poi quando sono diventati indispensabili per i loro risultati, per il fatto di averli venduti. Tutto sommato siamo contenti della stagione che sta disputando la Sampdoria, anche quando i risultati faticavano ad arrivare la squadra con il suo gioco faceva divertire, quindi non possiamo che essere contenti. Al Derby della Lanterna ovviamente ci saremo, stiamo già organizzando la trasferta con Como e Maglia12, anche se mancano ancora due settimane sentiamo proprio il clima della stracittadina che si avvicina».