Doveri e la Sampdoria: i precedenti

doveri
© foto www.imagephotoagency.it

La Sampdoria vanta una sola vittoria con il fischietto di Roma, decisamente più fortunato e cinico il Sassuolo: tutte i precedenti

Il campionato non avrebbe potuto riprendere, dopo la pausa per le nazionali, se non con una partita delicata e ostica per la Sampdoria, nonostante si giochi in casa e contro un Sassuolo la cui striscia negativa di risultati perdura da ormai tre settimane senza contare gli impegni di Europa League. A dirigere il lunch-match della 13esima giornata sarà Daniele Doveri, giunto alla settima presenza stagionale ma alla prima con entrambe le squadre sullo stesso terreno di gioco. Il fischietto della sezione di Roma 1 ha incontrato la formazione di Marco Giampaolo contro l’Atalanta, quando arrivò la vittoria per 2-1, e i neroverdi di Eusebio Di Francesco al “Mapei Stadium“ con l’Udinese: anche in quella circostanza ci fu un misurato successo per 1-0.

NIENTE CALCOLI – Guardando alla campionato in corso verrebbe da pensare al totale equilibrio, tuttavia le statistiche vertono chiaramente a sfavore della Sampdoria nei precedenti ufficiali con Doveri. Delle sette volte in cui le parti si sono incrociate, sono quattro le sconfitte, due i pareggi e una sola la vittoria, l’ultima in ordine cronologico contro la Dea: nella stagione 2012/13 ci furono una sconfitta contro l’Inter e un pareggio con il Napoli, nella 2013/14 uno 0-2 per il Milan al “Ferraris“, nella 2014/15 un buon 1-1 con la Juventus e un pessimo 4-2 al “San Paolo“ e, in conclusione, nella 2015/16 4-1 nella “San Siro“ rossonera.

SASSUOLO FORTUNATO – Non si può certo dire, dunque, che Doveri sia un talismano della Sampdoria, a differenza del Sassuolo che, d’altro canto, vanta con l’arbitro ben cinque vittorie, due pareggi e tre sconfitte nei complessivi dieci precedenti ufficiali della sua storia calcistica. Il risultato più prestigioso è stato ottenuto, alla prima della passata annata, in casa contro il Napoli: a siglare il definitivo 2-1 fu Nicola Sansone con un colpo di testa a pochi istanti dal triplice fischio.