ESCLUSIVA – Gonano: «Dall’Australia tifo Sampdoria. Ranieri? È l’uomo giusto»

© foto Luca Gonano

Esclusiva SampNews24 – Luca Gonano: «Dall’Australia tifo Sampdoria, sogno di venire al Ferraris e penso che Ranieri sia l’uomo giusto»

Luca Gonano, produttore radiofonico australiano, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Sampnews24 per raccontare la sua passione per la Sampdoria.

Partiamo dall’inizio. Raccontaci un po’ di te e della tua passione per la Sampdoria. Come mai, nella foto che abbiamo trovato sui social, indossavi in radio una maglia blucerchiata?

«Ho 33 anni e vivo a Melbourne, in Australia. Sono uno dei produttori della stazione radio più popolare di Melbourne, 3AW, e attualmente lavoro a un programma di notizie e attualità. In questo periodo di crisi siamo stati dei privilegiati a conservare il nostro lavoro. Mi sono però reso conto che la nostra squadra di lavoro stava iniziando a essere un po’ irrequieta, dovendo trattare gli stessi argomenti ogni giorno, quindi abbiamo organizzato uno “Sports Apparel Day” per cambiare un po’. È stata una bella distrazione. I miei nonni paterni erano di Diano Marina e sono emigrati in Australia nei primi anni ’50. Sebbene mio nonno fosse un sostenitore della Juventus, controllava anche quelli delle squadre genovesi. Sono stato immediatamente attratto dal nome “Sampdoria” e ovviamente dalla maglia. Penso che sia la più bella del mondo. Seguo la Sampdoria da quando ho 14 anni».

Riesci a seguire le partite?

«Lo ammetto è veramente difficile guardare le partite in diretta a causa della differenza di orario e dei miei orari di lavoro. Di tanto in tanto sono fortunato e riesco a vederne qualcuna in diretta tramite BeIN Sport alla televisione. Leggo i report delle partite ogni settimana e spesso seguo siti in diretta durante le gare».

Sei mai stato al Ferraris?

«Ho avuto la fortuna di venire a Genova diverse volte, ma non ho mai avuto l’occasione di andare allo Stadio Luigi Ferraris. È un mio sogno, spero di riuscirsi nei prossimi anni».

Cosa ne pensi di questa stagione? Ranieri è l’uomo giusto da cui ripartire anche in vista del prossimo campionato?

«Non mi aspettavo una stagione del genere! Sono stato colpito dal modo in cui abbiamo giocato l’anno scorso e, sinceramente, ho pensato che potevamo migliorare quest’anno. Ovviamente le cose non sono andate in questo modo fin dall’inizio della stagione. Sono stato contento dell’arrivo di Ranieri perché i suoi recenti successi sono stati impressionanti. Penso che dovrebbe essere l’allenatore anche della prossima stagione». 

Qual è il tuo giocatore preferito?

«Il mio giocatore preferito è Fabio Quagliarella. È un campione da tanti anni, adora la Sampdoria e i tifosi. Mi piace il modo in cui gioca. Avrei voluto io giocare come lui quando ero giovane, sfortunatamente non ero molto bravo!!»

Cosa ne pensi della politica della Sampdoria sul calciomercato?

«Bisognerebbe essere un po’ più aggressivi quando si tratta di comprare e vendere giocatori, penso che ogni tifoso la pensi alla stessa maniera. Siamo stati parecchio accorti in molte delle campagne acquisti degli ultimi dieci anni».

Cosa ne pensi della ripresa della Serie A?

«La ripresa della Serie A a maggio mi sembra veramente tanto rischiosa. Il nostro campionato di calcio, l’AFL, non prevede di ricominciare fino alla fine di luglio e l’Australia non ha avuto da nessuna parte le difficoltà che l’Italia ha avuto con il Coronavirus. So che la gente vuole tornare a giocare a calcio, ma sono circostanze senza precedenti. Mi rende nervoso pensare un inizio a maggio».

Cosa ne pensi di Ferrero?

«Per quanto riguarda Ferrero ammetto di essere stato intrattenuto da alcune delle situazioni che ha gestito in questi ultimi anni, anche se posso immaginare la reazione dei tifosi in Italia! Spero che il club sia sempre in mani finanziariamente sicure perché significa tanto per tante persone».