Fase 2 Coronavirus: le modifiche al decreto introdotte dal Governo

Coronavirus mondo
© foto www.imagephotoagency.it

Emergenza Coronavirus, lunedì 4 maggio parte la Fase 2: tutte le modifiche introdotte dal Dpcm 26 aprile 2020

Lunedì 4 maggio partirà la Fase 2 dell’emergenza Coronavirus. Il decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 26 aprile 2020 introduce diverse modifiche che andranno ad incidere direttamente sulla vita dei cittadini. Di seguito la nota ufficiale del Ministero.

«Il Dpcm 26 aprile 2020 introduce, a partire dal 4 maggio, la possibilità delle visite ai propri congiunti che vivono nella stessa Regione e la riapertura di parchi e giardini pubblici, nel rispetto delle prescrizioni sanitarie ed evitando comunque gli assembramenti (i sindaci potranno decidere di chiudere nuovamente e in via temporanea i parchi, qualora il divieto di assembramento non potesse essere garantito). Diventa obbligatorio l’uso della mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico (quali mezzi di trasporto pubblico ed esercizi commerciali). Il nuovo Dpcm sancisce anche l’obbligo di rimanere all’interno della propria abitazione per tutti coloro che presentano sintomi legati a sindromi respiratorie e una temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi.

Sempre dal 4 maggio, si può tornare a effettuare l’attività motoria e quella sportiva, individualmente, anche distanti da casa. Altra importante novità riguarda la possibilità di svolgere celebrazioni funebri, con un numero di partecipanti massimo fissato in 15 persone, indossando le mascherine protettive  e possibilmente all’aperto. Il Dpcm, sempre a partire dal 4 maggio, consente la ristorazione da asporto per bar, ristoranti e simili, che si va ad aggiungere all’attività di consegna a domicilio già ammessa. Ripartono diverse attività produttive e industriali, le attività per il settore manifatturiero e quello edile, insieme a tutte le attività all’ingrosso ad essi correlati, con l’obbligo di rispetto delle regole vigenti in materia di sicurezza sul lavoro».