Gabbiadini punge Giampaolo: «DiFra senza fronzoli». E quel sorriso…

gabbiadini highlights
© foto www.imagephotoagency.it

Gabbiadini punzecchia Giampaolo: «DiFra senza fronzoli, faremo qualcosa di importante». E sul sorriso: «Ho il mio carattere»

Tra i giocatori della Sampdoria che più sembrano aver già beneficiato dell’arrivo di Eusebio Di Francesco in panchina, rientra certamente Manolo Gabbiadini. L’ex Southampton ha ripreso la sua posizione ideale di esterno destro nel 4-3-3 del nuovo tecnico, anche se dovrà essere pronto a fare occasionalmente la punta: «Il mister mi ha parlato a inizio ritiro chiedendomi la disponibilità di giocare nei due ruoli. Ovviamente gliel’ho data ma preferisco stare a destra. È un ruolo che conosco, mi permette di accentrarmi e tirare sul sinistro. Comunque è il mister che decide dove farmi giocare».

La Samp sta continuando a cercare comunque un altro esterno e il candidato numero uno è Simone Verdi. I rumors, tuttavia, non danno fastidio a Gabbiadini: «Ci sta, se arriva qualcun altro è giusto, ci dobbiamo giocare il posto tra tutti. Io penso che più siamo più si alza la qualità – spiega ai taccuini de Il Secolo XIX – ed è un bene per la squadra. Quindi se la domanda è se il mercato mi disturba, la risposta è no».

Tornato a Genova lo scorso gennaio, il classe ’91 non è riuscito a incidere molto: «Certo voglio fare di più ora. C’è un modulo diverso, un allenatore diverso che chiede cose completamente diverse e per me più affini al mio modo di giocare. Curiamo molto più la fase offensiva, Di Francesco predica un gioco senza fronzoli in cui la manovra non parte così da lontano e soprattutto lascia più libertà d’azione». Insomma, Di Francesco batte Giampaolo: «Mi piace molto, è molto diretto, e mi piacciono le sue idee. Ripeto, hapochifronzoli,il contrario dell’anno scorso in cui si doveva giocare solo in un determinato modo». Poi corregge il tiro e ribadisce la sua stima per l’ex tecnico blucerchiato: «È un grande maestro di calcio, però a me piace essere un po’ più libero in campo».

Il lavoro in ritiro è stato molto e svolto bene, il gruppo sembra essersi amalgamato alla perfezione e le premesse per la stagione ormai alle porte non possono che essere delle migliori: «Io penso che quest’anno abbiamo l’ambizione di fare qualcosa di importante – ammette Gabbiadini – non è una frase fatta. Il tecnico è molto motivato, noi tutti abbiamo motivi individuali per voler fare bene. Sono fiducioso». Un’ultima battuta sul sorriso che, almeno almeno in foto, l’attaccante tende a mostrare molto raramente. I commenti e le domande sui social si sprecano sull’argomento: «Più me lo dicono e meno sorrido (ride). Scherzi a parte non seguo molto i social e sono un po’ testone, ho il mio carattere, ma non mi reputo certamente un ragazzo triste».