Gaston Ramirez, trequartista di spinta per Giampaolo

Ramirez sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Calciomercato Sampdoria: conosciamo meglio Gaston Ramirez, colpo a sorpresa per i blucerchiati. Trequartista uruguaiano dalla propensione offensiva

L’ultimo colpo di mercato della Sampdoria fa il suo ritorno in Italia dopo una parentesi, non proprio fortunatissima, in Premier League. Stiamo parlando di Gaston Ramirez, trequartista mancino con ottima propensione offensiva. Ripercorriamo la sua carriera per conoscerne i punti di forza. Nasce calcisticamente nelle giovanili del Penarol, con cui esordisce in prima squadra nel marzo del 2009. Nella stagione 2010/2011 viene acquistato a titolo definitivo dal Bologna e fa il suo esordio in Serie A alla fine di settembre nella trasferta, terminata con il risultato di 1-1, di Catania. È decisamente più incisivo in Coppa Italia nella prima stagione con i felsinei: realizza tre reti nella competizione, una sola in campionato in 25 presenze totali. Si migliora l’anno successivo raddoppiando il numero dei gol segnati, otto in 33 presenze. Il suo rendimento con il Bologna attira l’interessamento del Southampton che nel 2012 lo acquista per 15 milioni di euro: nella sua prima stagione realizza 5 reti in 27 partite giocate.

La sua fortuna in Premier League si esaurisce nell’arco di una stagione: il 19 gennaio del 2014 subisce un brutto infortunio che lo obbliga a terminare in anticipo il suo campionato e la sua esperienza con i Saints. A settembre, infatti, viene ceduto in prestito all’Hull City con la cui maglia disputa 23 partite realizzando una sola rete. Non essendo riscattato, torna al Southampton come riserva e gioca solamente cinque partite in tutto il campionato. Nel 2016 passa in prestito al Middlesbrough, disputando 24 partite e realizzando gol e assist. I problemi fisici hanno connotato la sua carriera, costringendolo a qualche stop: nel 2014 la lesione ai legamenti, nel 2015 un serio problema alla fibra muscolare della coscia, nel 2017 un infortunio al ginocchio hanno minato il suo rendimento sul campo. Al netto dei fastidi fisici, però, è un giocatore estremamente abile con la palla al piede, con un ottima visione di gioco e molto altruista: se può andare in porta non manca di farlo, ma altrettanto cerca di servire i compagni con giocate intelligenti e passaggi perfetti.