Giampaolo, una nuova sfida: dopo Baroni, c’è De Zerbi

Sampdoria Giampaolo
© foto Valentina Martini

Ad agosto Baroni, a gennaio De Zerbi: Giampaolo pronto al confronto con l’allenatore del Benevento. Nessuna vittoria, ma nemmeno sconfitta nei precedenti

Qualcosa di diverso ci sarà nel match contro il Benevento e non sarà solo il fatto di giocare in trasferta al “Vigorito” invece che tra le mura di casa del “Ferraris”. La Sampdoria è sicuramente più attrezzata rispetto alla squadra che aveva affrontato i giallorossi nella prima di campionato, il Benevento da parte sua ha collezionato diciassette sconfitte, un pareggio e una sola vittoria nel girone d’andata ma non per questo deve essere considerato un avversario facile da battere. Quagliarella nel post Sampdoria-Spal ha ammesso di temere il gruppo giallorosso, molte partite che avrebbe potuto pareggiare o addirittura vincere le ha perse per piccoli errori e non è detto che li ripeta anche contro i blucerchiati.

La Sampdoria è più organizzata e Giampaolo è più sicuro dei suoi mezzi, ma il vento è cambiato anche in casa Benevento: non c’è più Baroni in panchina, ma De Zerbi. Il cambio è avvenuto ad ottobre, per cui non si può dire che la differenza tra i due sia stata determinante per riportare la squadra alla vittoria, ma i frutti del suo lavoro stanno arrivando. Per Giampaolo sarà il secondo confronto in carriera contro l’allenatore giallorosso: l’unico precedente risale al 2016/17 quando il tecnico sedeva sulla panchina del Palermo. Quel match si chiuse sul risultato di pareggio, da una parte segnò Nestorovski dall’altra Bruno Fernandes. È l’unico precedente che De Zerbi ha anche contro la Sampdoria; per il tecnico doriano sarà il secondo precedente contro i giallorossi dopo la vittoria nell’andata per 2-1, realizzata da un superbo Quagliarella.