Inter-Sampdoria, Spalletti: «Affrontiamo una squadra fortissima, al nostro livello»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Spalletti in conferenza lusinga Giampaolo e la Sampdoria: «Squadra ed allenatore fortissimi, sono al nostro livello»

Vigilia di campionato per la Sampdoria e per l’Inter, che domani sera si affronteranno al Meazza in una partita che profuma di alta quota. Se Giampaolo, durante l’odierna conferenza, ha predicato calma e sangue freddo, preoccupandosi di scucire dalla mente dei suoi giocatori l’etichetta di squadra da vertice, Spalletti ha invece rincarato la dose durante la propria conferenza: «Tutte le partite sono insidiose, ma quando vai a giocare contro squadre di questo genere, con un certo entusiasmo, un certo allenatore e una certa spensieratezza, allora diventano più insidiose. Loro sono costruiti bene, Giampaolo è fortissimo e rende fortissime le sue squadre. Dopo la vittoria di Napoli dobbiamo azzerare tutto, non guardiamo alle altre e non vogliamo mettere paura a nessuno, consolidiamo le nostre certezze guardando in casa nostra».

Qualche variazione, su sponda blucerchiata, ci sarà necessariamente, date le tre partite in pochi giorni. Anche il tecnico nerazzurro, però, potrebbe cogliere l’occasione per fare qualche rotazione, anche se ogni decisione sarà presa domani: «Devo rivedere i giocatori. Ieri c’erano degli affaticamenti, siamo a metà del guado, dato che c’è una giornata ancora per recuperare. Oggi faremo qualcosa che possa permettere di completare il recupero. Decideremo domani, funziona così anche per me». Spalletti è ben consapevole della forza della squadra blucerchiata, e tiene a precisarlo: «La Sampdoria è forte, gioca un calcio importante. Giampaolo in estate ha perso i pezzi migliori, ma la qualità del gioco è restata la stessa. Si parla spesso di allenamento dei muscoli, ma prima va allenata la testa: è quella che ti crea i presupposti per anticipare ciò che accadrà. La Samp è del nostro livello, ci è arrivata davanti l’anno scorso. Ora perché noi dovremmo mettere dietro una squadra che l’anno scorso non ci fece vedere palla? Siamo fortissimi, ma siamo la stessa squadra che in un momento ha fatto bene in un altro malissimo. Dobbiamo usare le nostre qualità, essere bravi a prenderle da noi e metterle in pratica».

Negli ultimi giorno si è parlato molto delle parole di Giampaolo, relative al sogno di allenare, un giorno, l’Inter. Spalletti approva e si fa sponsor del collega con parole di grande stima: «Giampaolo è partito dal niente e adesso allena una delle squadre più forti della Serie A ed è finito nel mirino di grandi club. Se la merita tutta questa attenzione. Vorrebbe allenare l’Inter, ha detto. Beh, se dovesse succedere, io sarei il primo abbonato della stagione: per l’Inter Giampaolo sarebbe una garanzia, qui serve gente forte e lui sarebbe così. Skriniar? E’ al 60%, è forte fisicamente e sa giocare palla. Per quanto mi riguarda Skriniar ha confermato che Giampaolo è bravo. Anzi, lui con Skriniar si è dimostrato magnifico. Quando l’abbiamo preso me ne ha parlato benissimo dicendomi: “Se mi togli anche lui con chi lavoro?”».