Klinsmann: «Ripresa a porte chiuse è un giusto compromesso»

Klinsmann Hertha Berlino
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex calciatore della Sampdoria Klinsmann sulla ripresa del campionato e le porte chiuse: «Credo sia la decisione giusta»

Jurgen Klinsmann commenta la situazione del mondo del calcio e il ritorno alla normalità dopo il lungo periodo di lockdown. L’ex calciatore della Sampdoria sceglie la via del compromesso: «Dobbiamo trovare la soluzione per convivere con il virus, minimizzando il rischio. Il calcio è importante per tutti noi, ci dà emozioni, quindi quella di riprendere adesso credo che sia la decisione giusta. Non sarà bello vedere le partite in tv senza la gente allo stadio, ma è un compromesso per far vedere comunque alle persone qualcosa cui tengono».

Cambieranno gli ingaggi: «La lezione che abbiamo imparato, e tuttora impariamo, è che il virus avrà un’influenza importante nella società. Gli stipendi andranno giù, io vivo in California e anche gli sport americani cambieranno. Ogni società dovrà adattarsi ad una situazione nuova, siamo in una crisi mondiale e le cose credo che andranno peggio nei prossimi anni», ha commentato Klinsmann ai microfoni della Domenica Sportiva.