La promessa di Ferrero: «Se battiamo la Juve mi faccio i capelli come Nainggolan»

ferrero sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente della Sampdoria a tutto tondo: dal rinnovo di Quagliarella al nuovo CdA societario, passando per le offese dei tifosi e una promessa bizzarra

La Sampdoria sta attraversando un ottimo periodo sul campo, meno al di fuori a causa delle vicende che riguardano Massimo Ferrero. Il presidente si dice comunque tranquillo e oggi formerà il nuovo CdA che darà una svolta al futuro della società, staccandola dal gruppo Ferrero che, con sede a Roma, si occupa principalmente di cinema. Tornando invece al calcio giocato, sul cammino della squadra di Marco Giampaolo c’è la Juventus, che chiuderà il girone d’andata di Serie A. Una vittoria non è assolutamente impossibile da raggiungere e per incentivare i suoi, Ferrero ha deciso di fare una promessa alquanto bizzarra: «Sono un uomo che ha tanti capelli, sono sempre stato un capellone, ma se vinciamo contro i bianconeri me li taglio tutti. Mi faccio i capelli come Nainggolan».

Il patron doriano continua: «La cosa del dissequestro dei miei beni non è né una vittoria né una sconfitta. Sono state fatte delle indagini e sono dispiaciuto per la mia signora e per quello che ha dovuto passare. Il consiglio di amministrazione della Sampdoria sarà quasi totalmente nuovo e ho voluto fare questa cosa per dare un segnale. Sono un presidente molto serio, ma anche bizzarro e la Sampdoria è la mia vita. Sto rilanciando il club e voglio ringraziare anche tutti i tifosi che mi offendono tutte le settimane. Sto addosso ai giocatori, se fanno bene sono felice, altrimenti li meno. Quagliarella è infinito». Sui fatti di Inter-Napoli: «Non voglio essere frainteso – aggiunge ai microfoni di Rai Radio1Sport -, ma il calcio è spettacolo e lo spettacolo non si ferma mai. Devono fare gli stadi con le celle di sicurezza e se un ultrà non si comporta come deve, deve essere rinchiuso e buttata via la chiave. Il razzismo non ci deve essere, le persone devono essere arrestate».