Connettiti con noi

Prima Pagina

Le case nel futuro con la stampa 3D

Pubblicato

su

Siamo arrivati ad un percorso tecnologico che permette la costruzione di case stampate in 3D. Scopriamo insieme qualche dettaglio in più su questo metodo che potrebbe aiutare i paesi emergenti ad affrontare più rapidamente i problemi dei senzatetto, ridurre le discrepanze tra poveri e ricchi e creare un futuro più sostenibile.

Infatti, queste case potrebbero essere progettate per funzionare con energia solare distribuita o eolica per migliorare l’impatto ecologico del nostro stile di vita. Tutto ciò è reso possibile grazie agli ultimi sviluppi tecnologici e alla digitalizzazione che già hanno investito le nostre vite in altri ambiti come lo smart working, smart home e persino i videogiochi di fortuna come le slot gratis.

Si tratta anche di metodo di costruzione poco dispendioso, molto veloce e più economico per costruire case molto robuste. L’unico vero svantaggio è che le competenze e la tecnologia per costruire queste case non sono ancora ampiamente disponibili.

Tuttavia la formazione richiesta non è considerata eccessivamente difficile e un passaggio all’edilizia stampata in 3D potrebbe creare nuovi posti di lavoro.

La stampa 3D è una realtà già nota a molte industrie che hanno trasformato i loro processi: dalla prototipazione alle parti di produzione, da diversi colori alla stampa in materiali plastici, metallici o misti con parti composite metallo/plastica.

Ci sono addirittura progetti che vedono la stampa 3D di cibo che, se adottati su larga scala, potrebbero eliminare gran parte dei gas serra e degli impatti ambientali negativi della produzione di cibo.

Costruzione di case 3D

Tuttavia, dove la stampa 3D potrebbe avere l’impatto più significativo è sulla costruzione di case. I tempi di costruzione si riducono da 8 settimane a 1 o 3 giorni; i costi scendono a un settimo di quello che costa attualmente affidando la costruzione a muratori o carpentieri, e i rifiuti di costruzione si riducono del 59%.

Tenendo conto di tutto questo significa che si potrebbero costruire sette case di dimensioni simili per il costo di costruire una casa con metodi tradizionali, in meno tempo, con molti meno rifiuti.

Per quanto riguarda la resistenza della struttura, ci sono case stampate 3D in Cina progettate per rimanere indenne a un terremoto di grado 8.0 della scala Richter.

In edilizia, se dovesse continuare a crescere questo trend, si ridurrebbe il tasso di incidenti nei cantieri e si potrebbero costruire molte più strutture in tempi brevi. Quando la stampa 3D viene applicata agli alloggi di emergenza, non solo può consumare materiali riciclati, ma può essere più facilmente riciclata una volta che la crisi si è conclusa, perché il materiale di stampa può essere modificato per un uso a breve termine.

Ripensare la casa del futuro con i giusti materiali da stampa in 3D ci farebbe ottenere una casa molto resistente che potrebbe essere costruita in meno di una settimana. Potrebbe sopravvivere a quasi ogni disastro naturale o causato dall’uomo e il costo sarebbe una frazione di una casa costruita in modo tradizionale.

Questa tecnologia essendo più veloce, più economico, più durevole, e con progetti efficienti sembra poter essere migliore dell’edilizia classica a cui siamo abituati.