Malagò: «Spero nella ripresa, ma serviva un piano B»

malagò coni
© foto www.imagephotoagency.it

Malagò: «Sono il primo a fare il tifo per la ripresa del calcio, ma serviva un piano B. Insisto su questa cosa da mesi»

Giovanni Malagò, presidente del CONI, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport in cui ha parlato della possibile ripresa della Serie A. Ecco le sue parole:

RIPRESA – «Sono il primo a fare il tifo perché il calcio riprenda, ma dopo pochi giorni alla parola calcio si è sostituita la parola Serie A. Dilettanti e Lega Pro hanno capito abbastanza presto che con certe dinamiche di protocollo non erano in condizioni di riprendere. Da mesi insisto: puntiamo a ripartire, ma non essendo possibile fare previsioni di lunga scadenza, viste tutte le variabili esistenti, deve esistere anche un Piano B».

SERIE A – «Se la curva dei contagi manterrà un indice basso, credo non ci sarà problema a partire un paio di giorni prima».

PLAYOFF E PLAYOUT – «Lo leggo, ma mi risulta che non tutti siano d’accordo. Voglio sia chiaro che il Coni ha solo interesse se il calcio, o meglio la Serie A, riesce a risolvere i problemi. Le mie non sono invasioni di campo come qualcuno le ha definite».

PIANO B«Un piano B avrebbe richiesto di mettere intorno ad un tavolo tutti i soggetti coinvolti: la Figc, la Lega di A, il Coni se ci avessero invitato, i calciatori, gli allenatori, gli arbitri, i medici sportivi, magari un rappresentante Uefa, i broadcaster. Tutti in una stanza per trovare soluzioni e accordi in caso fosse impossibile ripartire o fosse necessario fermarsi di nuovo».