Mancini sicuro: «Coppa Italia preferita? La prima con la Sampdoria»

mancini
© foto www.imagephotoagency.it

Mancini non ha il minimo dubbio: «La mia Coppa Italia preferita vinta da giocatore? La prima con la Sampdoria, naturalmente»

A poche ora dalla finale di Coppa Italia tra Napoli e Juventus, il ct dell’Italia Roberto Mancini, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport, ai cui taccuini ha ribadito il legame d’affetto con la Sampdoria e descritto le sensazione vissute durante l’emergenza Coronavirus.

COPPA ITALIA – «La mia preferita? La prima, naturalmente: 1984-85. La Samp non aveva mai vinto nulla. È stato l’inizio di tutto. Espugnammo San Siro con gol di Souness, poi 2-1 a Marassi: una rete io, una Vialli. La festa. Avevo 20 anni».

LOCKDOWN – «Ho sofferto molto. È stato terribile, per i morti, per la sofferenza, ma anche per la rinuncia a tanta parte della nostra libertà. Solo ora ho la sensazione di poterla recuperare. Napoli-Juve è il primo trofeo assegnato dopo la pandemia, l’Olimpico riapre anche se vuoto: un segnale in più della vita che ritrova lentamente la sua normalità. Anche questa notte ha una sua magia. Mi auguro che a settembre-ottobre ci siano le condizioni per riaprire gli stadi, per giocare a Milano e fare un allenamento a Bergamo. Per dare una carezza azzurra a due città martoriate dal virus e per trovare il modo di ringraziare medici e infermieri che sono stati eroici nell’emergenza».