Connettiti con noi

Hanno Detto

Lanna: «La Sampdoria è in vendita. Ora pensiamo a salvarci»

Pubblicato

su

Marco Lanna, presidente della Sampdoria, ha parlato prima del match contro il Milan: ecco le sue dichiarazioni

Marco Lanna, presidente della Sampdoria, ha parlato prima del match contro il Milan. Ecco le sue dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport.

TIFOSI – «I tanti tifosi in trasferta sono un bel segnale, spero possano continuare a crescere anche con la riapertura degli stadi. I risultati aiutano, speriamo oggi di continuare a proporre gioco e fare risultato. Sarà importante la continuità, sulla linea della sfida col Sassuolo con impegno, gol e gioco. I tifosi ci seguiranno se continueremo così».

GABBIADINI – «L’infortunio di Manolo è stato una doccia fredda, non c’era tempo per riparare. Per fortuna abbiamo trovato Giovinco entusiasta, non è pronto nell’immediato ma lo vedremo tra 10-15 giorni. Il dispiacere è umano, per noi Gabbiadini è un giocatore di punta e speriamo di averlo in campo il prossimo anno in piena forma».

PRESIDENTE – «Cerco di essere a Bogliasco spesso, di far tornare il sorriso. Nonostante le sconfitte dobbiamo guardare al futuro con ottimismo perché le qualità ci sono. Dobbiamo caricarli e far capire loro che possono fare bene e possono tirarsi fuori da questa situazione».

GIAMPAOLO – «Giampaolo conosce l’ambiente, conosce alcuni giocatori ed era più facile l’ambientamento. Gli schemi e i moduli erano già nel loro DNA. È stata una scelta facile, lui ha grande entusiasmo nonostante la situazione, e questo ci ha dato una garanzia per ricreare un ambiente positivo. Il mercato non era programmato da mesi, noi siamo stati nominati il 5 dicembre, quindi è stato tutto molto rapido. Abbiamo fatto un buon lavoro con poche risorse, credo che il nostro unico obiettivo fosse arrivare a fine gennaio con una squadra uguale o più forte di dicembre. E l’obiettivo l’abbiamo raggiunto, ora i risultati diranno se avremo ragione».

MALDINI – «Con Paolo ci siamo incontrati negli spogliatoi, abbiamo parlato nel mercato per Conti. Con Paolo abbiamo condiviso battaglie ma sempre nella sportività totale. Qui a San Siro abbiamo sempre giocato belle partite, l’anno dello scudetto vincere qui 1-0 fu importante per raggiungere l’obiettivo. Quella partita resta negli annali della storia della Samp, fu una consacrazione».

SCALARE LA CLASSIFICA – «Bella domanda. Intanto pensiamo a salvarci quest’anno, poi per il prossimo anno capiremo. Stiamo già programmando come se continueremo noi, ma la società è un vendita e dobbiamo capire chi la comprerà e che progetti avrà».