Nanni fa tremare i tifosi: «Stadi? Apertura forse il prossimo anno»

Stadio-Luigi-Ferraris
© foto www.imagephotoagency.it

Gianni Nanni, membro della Commissione medica della FIGC, ha parlato della riapertura degli stadi: «Completa forse il prossimo anno»

Rimane sempre caldo il tema della riapertura degli stadi in Serie A. Un argomento che divide e sul quale si sta discutendo in questi giorni, a ridosso dell’inizio del nuovo campionato. Sulla questione è intervenuto anche Gianni Nanni, membro della commissione medica della FIGC, che ha rilasciato un’intervista a Radio Bianconera.

APERTURA – «Il dpcm dovrebbe finire verso la metà di ottobre, ce ne sarà uno nuovo che speriamo possa dare la possibilità di avere più libertà a livello di impianti sportivi e poter avere una capienza seppur limitata ammettendo i tifosi. Prima di Natale? Con tutto il pubblico è presto, andremo certamente al prossimo anno, ma una capienza limitata secondo me si può prendere in considerazione».

SICUREZZA – «L’auspicio è che si possa ricominciare a riaprire gli impianti anche a breve, chiaro che dipenderà anche delle misure di sicurezza che le società riusciranno a garantire. È chiaro che il problema è all’ingresso, devi garantire che non ci siano assembramenti, garantire il distanziamento dei tifosi. Il Bologna ha già un progetto, abbiamo diversi ingressi, 10mila persone possono essere distribuite su 10-15 ingressi».

ATTEGGIAMENTO RESPONSABILE – «È chiaro che se hai dato l’ok per riaprire le discoteche, creando qualche problema, puoi pensare anche di riaprire gli stadi. Lo stadio è anche un luogo all’aperto, quindi non credo ci saranno grossi problemi. Serve un atteggiamento responsabile da parte di tutti, a partire dai tifosi, dalle società, dai trasporti pubblici che dovranno aiutare in questa impresa. Se ci si siede attorno a un tavolo in poco tempo si riesce a trovare un accordo per la capienza limitata», ha spiegato.