Nicolini: «Grandissima partita della Sampdoria. C’è un aspetto positivo»

nicolini ranieri cena
© foto Facebook

Enrico Nicolini ha analizzato la prestazione offerta dalla Sampdoria di Claudio Ranieri contro l’Udinese: le parole dell’ex calciatore

Enrico Nicolini, ex calciatore della Sampdoria, ha commentato ai microfoni di Telenord la vittoria dei blucerchiati di Claudio Ranieri contro l’Udinese.

PRESTAZIONE – «Una gran partita, una gran partita e lo dicevamo già nel primo tempo quando il risultato era in bilico. Nel secondo tempo è poi uscita di nuovo prepotentemente, ha cercato la vittoria e l’ha ottenuta più che meritatamente. Risultato fondamentale per la salvezza, ora la Samp ha 6 o 7 squadre sotto, ci sono tanti scontri diretti. Non è finita ma possiamo dire che è stato un colpo decisivo, contro una squadra che si sarebbe potuta accontentare di un pari e adesso è alla vigilia di due partite molto problematiche di cui la prima contro la Lazio».

SALVEZZA – «Questa è una vittoria importantissima, ci saranno ancora tanti scontri diretti da giocare e la Sampdoria può stare relativamente tranquilla, è chiaro che dovrà fare ancora dei punti, è in grado di farli perché è arrivata nel momento topico della stagione in una condizione fisica ottimale: corre, gioca, tutti hanno trovato entusiasmo, c’è spazio per tutti. L’allenatore che ha una grande esperienza è riuscito a gestire al meglio questa situazione, con i cambi giusti ogni partita. Addirittura il Sassuolo contro la Roma ha cambiato nove giocatori ed è andato a vincere a Roma, per dire quanto è importante la gestione del gruppo in un momento così delicato».

GOL – «Sono stati tre bellissimi gol ma l’aspetto positivo è che la Sampdoria sull’uno a uno voleva vincere, addirittura ha preso un paio di contropiedi che non doveva prendere. Non era da prendere anche il goal in contropiede, sapendo che l’Udinese è una squadra che agisce soprattutto in contropiede con giocatori velocissimi come Lasagna. Però ci ha creduto ed ha ottenuto questa vittoria meritatamente, chiaro ci sono altri incontri da giocare con la testa. La Sampdoria sta bene, sta bene nella testa e nelle gambe, tutti si sentono partecipi anche perché, se andiamo a vedere, hanno giocato tutti da titolari».