Nuovo Dpcm: tutte le limitazioni per il mondo dello sport

Bundesliga Coronavirus
© foto www.imagephotoagency.it

Scopriamo tutte le restrizioni previste per il mondo sportivo inserite nel nuovo Dpcm in relazione anche alle zone del nostro paese

Con il nuovo DPCM firmato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, l’Italia si divide in tre aree a seconda della tipologia di rischio. In dettaglio le novità che ne conseguono nella sfera sportiva.

CALCIO – Per quanto riguarda i campionati professionistici e dilettantistici di vertice (quindi dalla Serie A alla Serie D, che però si fermerà comunque per una propria decisione) non ci saranno grandi novità, anche se la valutazione sulla rilevanza nazionale sarà ora affidata al CONI e non più alla FIGC. Per gli sportivi di ogni giorno, viceversa, qualche differenza ci sarà eccome. Premesso che tra zona verde e zona arancione non vi sarà distinzione sotto questo profilo, abbiamo provato a sintetizzarle.

ZONA VERDE

Attività sportiva – Sarà consentita all’aperto, purché si rispetti la distanza di sicurezza di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per altre attività motorie.

Sulle competizioni decide il CONI – Una delle principali novità per il mondo dello sport. Restano consentiti eventi e competizioni sportivi di interesse nazionale, sia individuali che di squadra: a valutare la rilevanza nazionale saranno però il CONI o il CIP (comitato paralimpico) e non più le singole federazioni. In ogni caso questi eventi si potranno svolgere a porte chiuse, senza pubblico. Sospeso a livello degli sport di squadra individuati dal Ministero dello Sport, in ogni caso sono sospese le attività dilettantistiche di base e a carattere ludico-amatoriale.

Chiuse palestre e piscine, aperti i circoli sportivi – Nessuna novità sotto questo profilo. Restano chiuse piscine, palestre e centri analoghi. Consentita l’attività sportiva all’aperto nell’ambito di centri e circoli sportivi, pubblici e privati.

Impianti sciistici – Possono essere utilizzati solo da atleti riconosciuti di interesse nazionale da CONi, CIP o in questo caso dalle rispettive federazioni. Sarà possibile aprirli al pubblico nel rispetto delle linee guida.

ZONA ROSSA –

Sospese le attività sportive – Vietato svolgere attività sportiva anche nei centri sportivi. Restano permessi i campionati professionistici e dilettantistici di vertice. Per tutti gli altri, sarà possibile soltanto l’attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché nel rispetto della distanza di un metro da altre persone.