Pagliuca consiglia Audero: «Samp squadra ideale per diventare un top»

pagliuca audero
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex portiere della Sampdoria Pagliuca consiglia Audero: «Qui è nell’ambiente ideale per crescere e diventare un top player»

Se la Sampdoria è la migliore difesa della Serie A con soli quattro gol subìti in nove partite, lo deve anche al suo portiere Emil Audero. L’estremo difensore italo-indonesiano, arrivato in estate dalla Juventus in prestito con opzione e contro-opzione in favore dei bianconeri, al primo campionato della massima serie italiana sta già convincendo tutti, dopo essersi messo in mostra la scorsa stagione a Venezia, trascinando addirittura i propri compagni allo storico traguardo dei play-off di Serie B. Domenica sera il numero uno doriano affronterà un altro giovane portiere, Gigio Donnarumma: ben altra l’esperienza del milanista, certo, ma sarà una sfida fra due estremi difensori che rappresentano il futuro della nazionale italiana.

Ne è sicuro anche uno che di portieri se ne intende parecchio, l’ex guardiano dei pali doriani Gianluca Pagliuca: «Donnarumma rimane, per ora, il miglior portiere italiano anche in prospettiva. Audero mi ha già impressionato l’anno scorso, in B, a Venezia. Ha solo 21 anni e ampi margini di miglioramento. La Samp, per il suo percorso, è la squadra perfetta. Continuando così potrà diventare un top player, e insidiare il posto di Gigio anche in Nazionale maggiore». Pagliuca ha voluto sottolineare, in particolare, l’importanza per Audero di aver trovato una piazza come la Sampdoria, dove poter crescere – a differenza del collega del Milan – senza eccessive pressioni: «La gara di domenica sarà una partita aperta. Donnarumma l’affronterà dopo l’errore del derby, che può condizionarlo. Audero – ha evidenziato Pagliuca ai taccuini de Il Secolo XIXha trovato la squadra ideale per poter crescere e migliorare ed è una rivelazione. Se la Samp è la miglior difesa del campionato, lo deve anche a lui».

Articolo precedente
sampdoria convocatiRanking UEFA, Samp nella Top 100: il merito è anche di Mihajlovic
Prossimo articolo
kessié calhanogluIl Milan perde Kessié e Calhanoglu: Gattuso cambia modulo