Palermo: Goldaniga, Nestorovski e Rispoli a rischio squalifica

© foto www.imagephotoagency.it

In attesa di vedere la Sampdoria alle prese con il Cagliari di Rastelli, andiamo a guardare in casa Palermo qual è la situazione dei diffidati a rischio squalifica: Goldaniga, Nestorovski e Rispoli

Il cammino della Sampdoria trova, dopo le vittorie contro due big come Roma e Milan, una serie di partite contro avversari di caratura ben inferiore. Questo, come anche affermato dal Mister in occasione del match contro il Bologna, non significa sottovalutare l’impegno: dopo il Cagliari, arriverà il turno del Palermo in programma per domenica 26 alle ore 12:30 e poi la partita contro il Pescara in programma alle 18:00 del 4 marzo. In vista della gara contro i rosanero di Lopez, che giocheranno l’anticipo del venerdì contro la Juventus, la Sampdoria dovrà fare attenzione ai gialli in mediana infatti sia Linetty che Torreira sono in diffida e quindi a rischio squalifica. Stessa cosa toccherà in sorte al Palermo che ha ben tre giocatori a rischio squalifica, alcuni dei quali sarebbero pedine fondamentali per affrontare il match contro i blucerchiati: Goldaniga, Nestorovski e Rispoli sono tutti e tre con la spada di Damocle del giallo sulla testa. Nestorovski sarebbe fondamentale per il Palermo per assicurarsi almeno una parvenza di offensività contro i blucerchiati, Goldaniga è il centrale difensivo preferito da mister Lopez e sull’esterno l’ex Rispoli è uno dei pochi che riesce a dare profondità offensiva alla squadra. Perdere uno dei tre o tutti e tre potrebbe essere molto penalizzante, per questo motivo non è escluso che Lopez ritenga sia più produttivo effettuare turnover in vista del match contro la Sampdoria. Chi invece tornerà a disposizione per il match contro i blucerchiati è Gonzalez, che è stato fermato da giudice sportivo per questo turno contro la squadra di Allegri.

Articolo precedente
João PedroJoão Pedro: «Samp pericolosa, serve la gara perfetta»
Prossimo articolo
Cagliari: Borriello-Sau per l’attacco, ma occhio ad Ibarbo