Connettiti con noi

Gli Ex

Pellegrini: «L’Italia arriverà nelle prime quattro. Mancini? Un rompiscatole»

Pubblicato

su

Luca Pellegrini, ex giocatore della Sampdoria, ha parlato dell’Italia di Gianluca Vialli e Roberto Mancini. Le sue dichiarazioni

Luca Pellegrini, ex giocatore della Sampdoria, ha parlato dell’Italia di Gianluca Vialli e Roberto Mancini. Ecco le sue dichiarazioni a Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio.

SAMPDORIA – «La mia Sampdoria riuscì ad abbattere l’egemonia del Napoli di quegli anni grazie alla programmazione. Dagli anni ’80, la dirigenza acquistava ogni anno il miglior giocatore della Serie B, e riuscì a creare una grande squadra. Eravamo un gruppo di forte personalità, facemmo un percorso di crescita anno dopo anno e fatto tesoro delle sventure degli anni precedenti. A differenza del Napoli che aveva Maradona, l’Inter i suoi tedeschi, il Milan gli olandesi, noi non avevamo un jolly. Non avevamo degli stranieri, campionato, che ci facessero fare il salto di qualità».

ITALIA – «C’è da dire che Mancini è un uomo fortunato, e ieri la Francia, favorita della competizione, è stata anche eliminata. Se arrivasse fra le prime quattro, considerando da dove si è partiti, sarebbe un successo e un buon trampolino di lancio per i prossimi mondiali».

VIALLI E MANCINI – «Insieme non me l’aspettavo. Hanno una grande personalità, sono felice di rivederli insieme, soprattutto per Vialli. La Nazionale sta aiutando Gianluca a superare la malattia, gli sta dando linfa per continuare a combattere. Mancini era un rompiscatole in campo, si accorgeva degli errori altrui e non dei suoi. Quando capì che Vialli gli avrebbe fatto ombra, si mise al servizio degli altri e divenne l’uomo assist. Accanto a lui, tutti diventavano capocannonieri».