Poca liquidità e plusvalenze necessarie: così cambierà il calciomercato

© foto www.imagephotoagency.it

Il Coronavirus ha lasciato un’impronta decisa nel calciomercato. Poca liquidità per i club, spazio agli scambi tra giocatori

Carlo Osti l’aveva detto in tempi non sospetti: il prossimo calciomercato sarà fantasioso. Lo evidenzia ancora una volta l’edizione odierna de Il Corriere della Sera, che spiega come tutti i club dovranno coniugare al meglio l’aspetto tecnico con quello finanziario.

Per tale motivo si profilano delle soluzioni diverse rispetto a quelle in cui solitamente si è abituati. Spazio agli scambi tra giocatori, in una sorta di baratto, a causa della poca liquidità derivata dal Coronavirus. Intanto il prossimo Consiglio federale in programma il 3 giugno, stabilirà le date di una sessione compresa tra due stagioni che si intersecano e che di fatto diventano una sola.