Primavera, Gabbani: «Siamo un ottimo gruppo, vogliamo le finali. Torreira…»

sampdoria primavera gabbani
© foto www.imagephotoagency.it

Il centrocampista della Primavera Alessandro Gabbani si racconta a SampTV: «Voglio dare il mio contributo per questo finale di stagione. Torreira mi piace particolarmente»

Uno dei protagonisti di questa straordinaria cavalcata della Primavera blucerchiata (ora in tournée a Londra), è il centrocampista romano Alessandro Gabbani. Un cognome importante, di questi tempi: «”Occidentali’s Karma” è il tormentone del momento – esordisce a SampTV – è la canzone che ha permesso a Francesco Gabbani di vincere Sanremo, ma anche per me è un buon momento: sia come squadra, che personalmente». Il classe ’99 prosegue descrivendo le proprie caratteristiche: «Sono qui alla Sampdoria da due anni e gioco come centrocampista davanti alla difesa. E’ un ruolo che mi ha trovato mister Bellucci – racconta -. Mi piace, sono al centro del gioco e tocco tanti palloni. Mi definirei un giocatore abbastanza tecnico, che però anche grazie al fisico riesce a dare una mano alla difesa. Ho avuto delle difficoltà a inserirmi all’inizio, ma grazie al sacrificio e all’aiuto del mister e dei compagni son riuscito a ritagliarmi spazio: spero di dare un contributo importante alla squadra per questo finale di stagione».

MODELLI E OBIETTIVI – Tra gli elementi della prima squadra, chi più di Torreira potrebbe essere un punto di riferimento per Gabbani: «Lui mi piace particolarmente, gioca nel mio ruolo ma ha caratteristiche molto diverse. Ammiro la sua dedizione, la sua tranquillità e la sua tecnica, gioca sempre con l’obiettivo di aiutare la squadra». Poi una battuta sul campionato in corso, che vede la Sampdoria in seconda posizione a pari punti con la Fiorentina: «Quest’anno con mister Pedone stiamo facendo un’ottima stagione e mi trovo bene con lui. Quando sono arrivato qua – prosegue – ho deciso di concentrare tutte le mie energie per cercare di diventare un calciatore, anche se sappiamo tutti che non è semplice arrivare ad alti livelli: se non dovessi riuscirci, mi piacerebbe continuare e ampliare l’attività di famiglia, mio padre è un albergatore. Obiettivi personali? Crescere, cercando di migliorare giorno per giorno, e poi chissà…magari restare qui in prima squadra. Come squadra -assicura Gabbani – cercheremo di arrivare alle finali dirette, dove sono certo che potremo giocarcela con tutti: abbiamo tutte le qualità per farlo e siamo un ottimo gruppo».