Primavera, Sampdoria-Napoli 1-1: sintesi e tabellino

primavera sampdoria
© foto Mattia Bronchelli

Primavera, Sampdoria-Napoli 1-1: pareggio che non rispecchia la buona prestazione dei blucerchiati. Secondo tempo di dominio doriano

Sotto il soleggiato cielo di Bogliasco la Primavera blucerchiata affronta i pari età del Napoli in una sfida importantissima per la classifica. L’obiettivo, come affermato in settimana da Ferrazzo, è allontanarsi dalla zona retrocessione ma serve trovare la vittoria. Il primo tempo al “Garrone” di Bogliasco è abbastanza bilanciato: la Sampdoria cerca di buttarsi in avanti e meriterebbe di più rispetto a quello che riesce raccogliere, i blucerchiati fanno fatica a costruire azioni che veramente pungano la difesa avversaria. Il Napoli aspetta e gioca sulle ripartenze. Intorno al 25′ prima Balde e poi Gomes Ricciulli tentano di portare i blucerchiati in vantaggio: troppi indugi da parte del primo nel tenere la palla fino a perderla, sfortuna nella seconda azione che sfuma per l’intervento del difensore azzurro Schiavi. Il Napoli si rende pericoloso solo con le ripartenze, la prima termina con il pallone poco sopra la traversa, la seconda con il salvataggio di Krapikas. A un minuto dall’intervallo è il Napoli a portarsi avanti grazie ad un calcio di rigore battuto da Gaetano. Il direttore di gara decide di assegnare il penalty dopo un ingenuo fallo di Ferrazzo durante una mischia in area.

Negli spogliatoi Pavan riorganizza le idee alla squadra e i benefici si vedono subito nei primi minuti di gioco. La Sampdoria appare più arrembante e attenta rispetto al finale di primo tempo: i blucerchiati si portano immediatamente avanti con diverse azioni pericolose, ci prova prima Ricciulli anticipato da Maisto e, dopo solo otto minuti di gioco, Balde con un pallonetto che beffa il portiere partenopeo e porta il risultato in pareggio. Il gol rinfranca gli animi blucerchiati che iniziano un pressing continuo e asfissiante per sfruttare il momentaneo smarrimento partenopeo cercando di raddoppiare. Il Napoli si fa vedere solo due volte oltre la linea di centrocampo e Pavan cerca di sfruttare i cambi per inserire energie fresche: spazio al nuovo arrivato Stijepovic. Il match termina con la Primavera  della Sampdoria in avanti nel vano tentativo di conquistare i tre punti, è Ricciulli il protagonista assoluto con diversi tentativi che non riescono a portare i blucerchiati in vantaggio. L’arbitro Miele concede cinque minuti di recupero conseguenza dei cambi e delle interruzioni che trascorrono senza che nessuna delle due compagini riesca a cambiare il risultato finale.

Sampdoria-Napoli 1-1: il tabellino

MARCATORI: p.t. 44′ rig. Gaetano; s.t. 8′ Balde.

SAMPDORIA (4-3-1-2): Krapikas, Doda, Veips, Oliana, Ferrazzo; Ejjaki, Perrone, Tessiore (dal 29′ s.t. Canovi); Cabral (dal 24′ s.t. Stijepovic); Gomes Ricciulli, Balde. A disposizione: Piccardo, Giordano, Sorensen, Romei, Tomic, Aramini, Scotti, Cappelletti, Cuomo, Curito. Allenatore: Pavan.

NAPOLI (4-3-1-2): Maisto; Schiavi (dal 32′ s.t. Scarf), Senese, Marie Sainte (dal 50′ s.t. Bartiromo), Esposito; Abdallah, Mezzoni, Otranto; Gaetano; Palmieri (30’ s.t. Sgarbi), Zerbin. A disposizione: Evangelista, Calvano, Coglitore, Energe, Manzi, Marino. Allenatore: Beoni.

ARBITRO: Miele di Torino. Assistenti: Massimino di Cuneo e Gualtieri di Asti.

NOTE: ammoniti al 44′ s.t. Abdallah e al 54′ s.t. Senese; recupero 1′ p.t. e 5′ s.t.