Primavera, Soerensen saluta la Sampdoria: il messaggio social – FOTO

Primavera Atalanta Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria, il difensore della Primavera Soerensen saluta il club doriano: «Arrivato ragazzo, me ne vado da uomo» – FOTO

Aris Soerensen, difensore della Primavera della Sampdoria, ha lasciato sul proprio profilo Instagram un messaggio di ringraziamento a tutto l’ambiente blucerchiato.

EMOZIONI – «Sono arrivato a 16 anni quando ero ancora un ragazzino e me ne vado da uomo a 19. In questi anni sono migliorato molto sotto l’aspetto calcistico ma forse la mia crescita più importante è stata a livello umano. Ho provato delle emozioni di gioia fortissime con un gruppo di ragazzi che sono diventati la mia secondo famiglia e per questo non potrò mai ringraziarvi abbastanza».

INFORTUNIO – «Poi c’è stato il calvario di questo ultimo anno: poche partite, tante incertezze e incomprensioni e poi è arrivato il brutto infortunio. Ma da quest’anno ne voglio uscire più forte e continuo a lavorare per il mio obiettivo con le persone migliori al mio fianco».

GRAZIE – «Infine voglio ringraziare tutte le persone dello staff (allenatori, fisioterapisti e magazzinieri) ma soprattutto i miei compagni che ho incontrato in questo percorso perché senza di loro non sarei mai andato avanti. Adesso quello che mi riserverà il futuro non lo so…ma l’unica cosa certa che io non mollo un cazzo perché è questo che conta!!»

View this post on Instagram

Sono arrivato a 16 anni quando ero ancora un ragazzino e me ne vado da uomo a 19…In questi anni sono migliorato molto sotto l’aspetto calcistico ma forse la mia crescita più importante è stata a livello umano. Ho provato delle emozioni di gioia fortissime con un gruppo di ragazzi che sono diventati la mia secondo famiglia e per questo non potrò mai ringraziarvi abbastanza. Poi c’è stato il calvario di questo ultimo anno…poche partite, tante incertezze e incomprensioni e poi è arrivato il brutto infortunio. Ma da quest’anno ne voglio uscire più forte e continuo a lavorare per il mio obiettivo con le persone migliori al mio fianco. Infine voglio ringraziare tutte le persone dello staff (allenatori, fisioterapisti e magazzinieri) ma soprattutto i miei compagni che ho incontrato in questo percorso perché senza di loro non sarei mai andato avanti. Adesso quello che mi riserverà il futuro non lo so…ma l’unica cosa certa che io non mollo un cazzo perché è questo che conta!!

A post shared by Aris Soerensen (@aarisss_) on