Quagliarella salva la Sampdoria nel finale: a Palermo finisce 1-1

quagliarella sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

La Sampdoria patisce ma si salva a Palermo: Quagliarella nel finale risponde al rigore trasformato da Nestorovski

Il Palermo parte forte, ma dopo quattro minuti la Sampdoria ha già la palla giusta per passare in vantaggio: Cigarini con un lancio pesca Quagliarella tra le linee, il numero 27 aggancia e salta Posavec, ma a porta vuota strozza troppo il tiro e scaraventa il pallone di poco a lato. Occasionissima sprecata. Al 10′ la Samp prova a consolarsi con un gran tiro da fuori di Cigarini, deviata in corner dal portiere avversario. Cinque minuti dopo, in seguito a una serie di batti e ribatti, Balogh può calciare in porta da due passi ma si fa ipnotizzare da un grande intervento di Viviano, che salva la Sampdoria. Il primo a finire sulla lista degli ammoniti è Luca Cigarini. Al 30′ si sblocca il risultato in favore dei padroni di casa: viene fischiato un contatto in area a Bereszynski, che frana all’indietro su Balogh, Doveri indica il dischetto e Nestorovski con freddezza trafigge Viviano. 1-0. Il Palermo prova a beffare nuovamente la Sampdoria con due tiri da fuori di Sciallai e Chochev, mentre Quagliarella si divora un altro gol davanti alla porta a pochi secondi dall’intervallo: per fortuna il guardalinee aveva alzato – erroneamente – la bandierina, smorzando così il rimorso di aver perso un’altra occasione per segnare.

Nei primi minuti della ripresa poco da segnalare, se non le due ammonizioni rimediate da Cigarini e Djuricic. E’ proprio il serbo al 7′ a lasciare il posto al più fresco Muriel. Il Palermo va molto vicino al raddoppio all’11’, quando un pericoloso cross teso in area viene mancato da tutti e finisce a fil di palo. La Sampdoria poco dopo tenta di svegliarsi dal torpore in cui è avvolta, sfiorando il pareggio con un colpo di testa di Silvestre, terminato poco sopra la traversa. I blucerchiati fanno fatica e sbagliano troppi passaggi, subendo molto le incursioni offensive dei rosanero: al ’19 Rispoli crossa dalla destra, Sciallai riceve e tira in porta, ma trova un grande chiusura di Djuricic in scivolata. Sulla ribattuta ci prova Nestorovski, la cui conclusione viene bloccata senza troppi problemi da Viviano. A un quarto d’ora dalla fine mister Lopez richiama in panchina il giovane Sciallai e manda in campo Diamanti. Sampdoria pericolosa al 36′ con una bella incursione di Muriel sulla sinistra: il colombiano serve Quagliarella al centro, che altruisticamente tocca di prima per Schick, ma il ceco se la allunga troppo e manca l’appuntamento con il pareggio, permettendo l’uscita bassa di Posavec. Il nuovo entrato Bruno Fernandes (al posto di Praet) rischia di replicare l’impresa dell’andata: Quagliarella disegna una parabola perfetta per il portoghese, che dal centro dell’area spizza di testa e per poco non segna l’1-1. Il numero 10 blucerchiato riesce comunque a far male al Palermo, quando al 44′ serve a meraviglia Muriel: una serie di finte per accentrarsi, poi lo scarico per Quagliarella, che con un destro chirurgico riesce a bucare Posavec e a salvare la Sampdoria da una figuraccia. Viviano tiene a galla i suoi con un’altra grande parata su Diamanti, e il match termina sull’1-1 come accadde al “Ferraris”.

Articolo precedente
Palermo-SampdoriaDiretta Palermo-Sampdoria 1-1: Quagliarella al 90′ salva il Doria
Prossimo articolo
quagliarella sampdoriaQuagliarella: «Forse la peggior partita dell’anno, ma…»