Ranieri: «Ottimo punto per la classifica. Jankto? Ragazzo d’oro»

ranieri sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Claudio Ranieri commenta la prestazione della sua squadra nel Derby della Lanterna: le parole del tecnico della Sampdoria

Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria, commenta la prestazione dei blucerchiati nel Derby della Lanterna in conferenza stampa.

TIFOSI – «È stata una partita bella per modo di dire, perché quando non c’è il pubblico non è bello. Vuoi mettere il pathos, le parolacce del pubblico avversario?. Giocare così è triste e non è calcio. Lo facciamo perché lo dobbiamo fare».

PRESTAZIONE – «Per il primo tempo è giusto il pareggio. Non c’è stata una sostanziale prevalenza di nessuno, nel secondo tempo siamo stati più pericolosi noi. Quando non riesci a vincere è meglio non perdere».

NUOVI INNESTI – «Candreva, Silva e Keita sono importantissimi per noi: Antonio si è allenato sempre a parte con l’Inter, Silva e Keita è da febbraio che non si muovono quindi è ancora più difficile portarli a una condizione accettabile. Si impegnano tantissimo ma non mi tengono un tempo se li metto dall’inizio. Nell’ultima mezzora possono fare la differenza».

ESTERNI – «Avendo il Genoa tre centrocampisti centrali e le due mezze punte e noi due centrocampisti con Ramirez vertice avanzato ho chiesto a Damsgaard e Jankto di invertirsi per attaccare lo spazio. Ramirez e Quagliarella non ci riuscivano. Far giocare con loro che ti entrano da dietro e ti pressano era difficile, così gli ho chiesto di invertirsi e attaccare lo spazio».

STRISCIA POSITIVA – «Logico che uno voglia vincere, è il campo che ti dice se sei stato all’altezza o meno. Noi abbiamo avuto più occasioni, loro sono stati pericolosi in contropiede. Un punto in cascina fa piacere. La striscia positiva mi fa piacere perché ho visto la squadra dare tutto. A volte non siamo stati belli geometrici ma è anche merito dell’avversario che è stato bravo a pressare. Ci aspettavamo il cambio di modulo del Genoa, sapendo chi non c’era e chi c’era. Sapevamo che avrebbero messo la difesa a quattro, ci siamo andati a vedere il Cagliari dell’anno scorso per farci un’idea ed è come ha fatto oggi».

JANKTO – «È un ragazzo d’oro che si inserisce. È un generoso, sta facendo un buonissimo campionato. Ha finito bene l’anno scorso e iniziato bene quest’anno».