Rastelli: «Ottima prestazione, era una partita particolare»

© foto www.imagephotoagency.it

Incredibile sconfitta della Sampdoria, che dopo tanta fatica riesce a trovare il pareggio nel finale con Bruno Fernandes, ma Viviano commette un erroraccio in uscita e regala la vittoria al Cagliari nel finale.

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport nel post-partita, il tecnico dei rossoblu Massimo Rastelli ha commentato così il match del “Sant’Elia”: «Abbiamo offerto un’ottima prestazione, quello che avevo chiesto alla squadra. Era una partita particolare, sapevamo che a centrocampo si sarebbe creato tanto traffico, si sarebbe giocato sulle seconde palle. La Sampdoria è stata brava a tenere alta la linea difensiva. Sarebbe stato un peccato non portare a casa i tre punti, gli episodi nel finale avrebbero potuto farcene perdere due per strada. Salto di qualità? Sì, dobbiamo avere coraggio e rischiare anche qualche volta di prendere palla alle nostre spalle. Andando avanti e oleando determinati meccanismi possiamo migliorare, l’importante è che ci sia da parte dei ragazzi impegno».

«Loro nel finale si sono rischiati il tutto e per tutto, ma noi abbiamo mantenuto il nostro sistema di gioco. Joao Pedro? Credo che oggi in alcuni frangenti abbia fatto vedere la sua bravura tattica, si sacrifica tanto, è il classico attaccante che si sacrifica nella fase di non possesso. Purtroppo l’abbiamo perso per un mese e l’abbiamo ritrovato da un paio di settimane, ma ora la condizione sarà al 50-60 per cento. Quanto sono contento per Melchiorri e il suo primo gol in Serie A? E’ un uomo che riesce a trovare nelle difficoltà risorse inimmaginabili, ha combattuto un male pericoloso ma è tornato più forte di prima, poi si è rotto il legamento e oggi ha esordito con noi in Serie A. Credo che bagnarlo col gol-vittoria sia una soddisfazione e l’abbia ripagato di tanti sacrifici. Storari non più capitano? Devo fare delle scelte per il bene del gruppo, volevo evitare che ci fossero altre discussioni. E’ stata una settimana difficile».

Articolo precedente
Viviano: «Non so come ho fatto, dispiace per il punto buttato»
Prossimo articolo
Certezza che vieni, certezza che vai