Regini e il Cagliari, un matrimonio impedito da Giampaolo

Regini Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Cagliari-Sampdoria, fra i rossoblù avrebbe potuto esserci Vasco Regini: fu Giampaolo a impedire il trasferimento in Sardegna del difensore

La partita che fra poche ore prenderà il via alla “Sardegna Arena” vedrà più di un ex sul terreno di gioco, da Nicola Murru a Luca Cigarini. Fra le fila del Cagliari, però, avrebbe potuto esserci un altro giocatore che invece è restato a Genova, Vasco Regini. Sì, perché il numero 19 della Sampdoria, come ricorderanno i tifosi blucerchiati, avrebbe potuto sbarcare in Sardegna questa estate, un affare indipendente dallo scambio Murru-Cigarini che, però, non è alla fine andato in porto. In molti, quando si è venuti a conoscenza dell’interruzione delle trattative per il passaggio del classe ’90 in rossoblù, hanno ipotizzato che fosse stato proprio il difensore a stoppare la trattativa, ma non tutti sanno che le cose non sono andate così: non è stato infatti Regini a far saltare l’affare con il Cagliari, ma Giampaolo.

Il tecnico blucerchiato, perso Skriniar, temeva di non poter contare su un adeguato rinforzo difensivo. Così, la presenza di Regini in rosa risultava in quel momento fondamentale, perché il capitano doriano, al netto di qualche limite tecnico, ha sempre dimostrato buona affidabilità e duttilità tattica. Così, Regini è restato alla Sampdoria anche dopo l’arrivo di Ferrari per giocarsi il posto accanto a Silvestre con l’ex Crotone, anche perché Giampaolo ha sempre dimostrato di credere molto nel difensore romagnolo e di non ritenerlo un rincalzo, ma un potenziale titolare. Seppure ormai sempre più spesso resti in panchina, Regini resta per l’allenatore blucerchiato una risorsa importante.